Diversificazione colture, Efa e azotofissatrici: un esempio pratico per chiarire i dubbi degli agricoltori

Diversificazione colture, Efa e azotofissatrici: un esempio pratico per chiarire i dubbi degli agricoltori

Continuano a giungere in redazione le domande degli agricoltori sul greening previsto dalla Pac, in merito alle superfici da destinare alle aree ecologiche (Efa), sul divieto della chimica a partire dal 1° gennaio 2018 e sulle azotofissatrici abbinate alle Efa.

Per rispondere agli ultimi dubbi, prendiamo come esempio un’azienda di 36 ettari complessivi, che ha deciso il seguente riparto colturale:

  • 24 ettari a grano
  • 6 ettari a orzo
  • 6 ettari a favino

La percentuale dei seminativi da destinare a Efa è sempre stata del 5% e rimarrà tale sino al 2020. Il favino, come coltura azotofissatrice, può essere destinata a soddisfare l’obbligo Efa.

A partire dal 1° gennaio 2018, il coefficiente di ponderazione delle Efa-azotofissatrici è passato da 0,7 a 1. Quindi la percentuale del 5% di Efa corrisponde al 5% di colture azotofissatrici, in questo caso di favino.

Su 36 ettari coltivati, a Efa vanno destinati 1,8 ettari (che è il 5% di 36) e quindi per soddisfare l’obbligo di Efa basta abbinare 1,8 ettari di favino all’Efa e il gioco è fatto. Su questi 1,8 ha di Efa-favino c’è il divieto di utilizzare sia diserbanti sia insetticidi, mentre non c’è alcun divieto per quanto riguarda l’uso dei concimi.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
aree interesse ecologicodiserbogreeningpac 2018

Articoli correlati

PSR Puglia, nelle misure agroambientali sono ammessi solo il sodo e lo strip-till

Nel nuovo PSR della Regione Puglia la misura M10, che finanzia i comportamenti virtuosi degli agricoltori, oltre all’applicazione dei principi

Pasta: l’obbligo dell’origine della materia prima in etichetta potrebbe non essere applicato

Il ministro alle politiche agricole Maurizio Martina difende le sue scelte sul Corriere della Sera, ma il decreto che impone

Come saranno i prezzi del frumento tenero e duro? Ecco le risposte da un sondaggio di Terra e Vita

Oltre il 60% degli intervistati vede il frumento tenero sotto i 21 euro al quintale, mentre solo il 15% pensa

2 commenti

Scrivi un commento
  1. roberto
    roberto 7 Dic, 2018, 19:22

    Il prof. Bartolini sempre molto preciso e puntuale. La mia domanda/curiosità è riferita al coefficiente ponderazione efa-azotofissatrici. Interpellati due CAA su questo argomento mi riferiscono che loro non ne sanno assolutamente nulla e che magari trattasi di articoli di giornale che riguardano eventuali proposte di modifica ma nulla di definitivo. Loro calcoleranno l’EFA sempre col rapporto di ponderazione 0,7.
    E’ un problema data la prossima semina e la necessità quindi di programmarla per bene.
    Possibile non ne siano stati informati?
    Grazie per l’attenzione e sarei felice per un eventuale e ulteriore chiarimento.
    Roberto.

    Rispondi a questo commento
  2. roby
    roby 9 Dic, 2018, 12:28

    Gentile Prof. Bartolini,
    il suo articolo di chiarimento è preciso e chiaro. Il problema è che i CAA non ne sono a conoscenza in quanto non ancora applicato, a loro dire, in Italia. Hanno ragione?
    Grazie e mi appassionano i Suoi articoli,
    Buon lavoro.
    Roberto (abbiamo lo stesso nome)

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*