Ecco gli ibridi di mais campioni di produttività

Ecco gli ibridi di mais campioni di produttività

Anche quest’anno le prove agronomiche svolte dal CRA, unità per la maiscoltura di Bergamo, su 44 ibridi in 15 località hanno decretato i migliori ibridi di mais presenti sul mercato. Significativo anche il risultato ottenuto con l’aumento di investimento da 6,5 a 7,5 piante/mq con l’aumento della dose di azoto da 170 a 300 unità/ha. Gli incrementi di produzione sono stati rispettivamente del 6% e del 9% .

Ecco i primi cinque classificati per ognuna delle tre classi di maturazione.

Ibridi classe 500 (produzione in ql/ha al 15,5% di umidità)

  1. DKC 6340 Dekalb: 164,6
  2. MAS 56 A Maisadour: 161,5
  3. KARIOKAS Sivam: 158,7
  4. DKC 6237 Dekalb: 158,4
  5. LG 30550 Limagrain: 156,6

Ibridi classe 600 (produzione in ql/ha al 15,5% di umidità)

  1. LG30600 Limagrain: 168,8
  2. DKC6752 Dekalb: 167,9
  3. P1574 Pioneer: 163,7
  4. SY HYDRO Syngenta: 163,1
  5. DKC 6728 Dekalb: 162,3

Ibridi classe 700 (produzione in ql/ha al 15,5% di umidità)

  1. KWS 2572 Kws: 164,8
  2. MAS 78 T Maisadour: 163,5
  3. PR31D24 Pioneer: 161,6
  4. P1675 Pioneer: 161,5
  5. KWS 2571 Kws: 160,8
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
mais

Related Articles

Sorgo: una pianta rustica, versatile e adatta ad aree non irrigue (e costa meno del mais)

Adatto a climi difficili, non avido di acqua ma soprattutto non esposto alla contaminazione da micotossine, il sorgo in Italia

EM Sole, la nuova varietà di soia che farà decollare la filiera dell’alta qualità

EM Sole di Sipcam Italia è una nuova varietà di soia che nel 2017 è stata seminata per la prima

Grano duro, boom dei contratti di filiera: un successo del lavoro di squadra

Alla faccia del “chi fa da sé fa per tre”… direbbe Totò! La migliore risposta a coloro che continuano a

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment