Ismea finanzia l’acquisto di terreni agricoli: a chi, come e a quali condizioni

Ismea finanzia l’acquisto di terreni agricoli: a chi, come e a quali condizioni

Sul mercato finanziario sono numerose le soluzioni di mutuo per l’acquisto di un terreno agricolo, e proprio in questo ambito hanno particolare rilevanza i finanziamenti Ismea, l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, dedicati all’acquisto di terreni agricoli da parte di giovani imprenditori agricoli o soggetti che hanno l’intenzione di acquisire la qualifica nella professione agricola. Con questa tipologia di finanziamento è la stessa Ismea ad acquistare il terreno: successivamente il soggetto richiedente ne diviene proprietario, restituendo il capitale all’Ismea in 30 rate annuali.

I requisiti

Per richiedere un finanziamento Ismea per l’ampliamento o l’acquisto di un terreno agricolo è necessario possedere, alla data di presentazione della domanda, i seguenti requisiti:

  • giovane imprenditore con meno di 40 anni;
  • soggetto che intende acquisire la qualifica di imprenditore agricolo a titolo principale o di coltivatore diretto entro 2 anni dall’assegnazione del terreno da parte di Ismea;
  • imprenditori agricoli a titolo principale;
  • coltivatori diretti con meno di 50 anni;
  • cooperative e piccole cooperative agricole di conduzione.

Gli esclusi

Ismea non consente la concessione di finanziamenti, interventi di acquisto e/o di rivendita di terreni agricoli tra genitori e figli, fatta eccezione nei seguenti casi:

  • successione a favore di eredi che prendono in carico la conduzione o la coltivazione dei terreni;
  • prepensionamento a favore di soggetti che subentrano nella conduzione o nella coltivazione dei terreni.

La modalità: vendita rateale con riserva della proprietà

I giovani imprenditori beneficiari dei finanziamenti Ismea possono acquisire i terreni agricoli tramite la modalità di vendita rateale con riserva della proprietà, attraverso il pagamento rateale del costo e con la riserva della proprietà a favore della stessa Ismea. Questa particolare agevolazione per l’acquisto e l’ampliamento di un terreno prevede, come detto anche in precedenza, un finanziamento rimborsabile con un piano di ammortamento della durata massima di 30 anni, in cui il soggetto assegnatario acquista la proprietà solamente con il pagamento dell’ultima rata.

Obblighi e limitazioni

Con la sottoscrizione di un finanziamento Ismea, il periodo di decadenza dai benefici è di 5 anni. La vendita del terreno e il rispettivo riscatto anticipato non possono essere richiesti se non dopo 5 anni, applicando l’obbligo di conduzione diretta del fondo per tutto questo periodo, ferma restando la destinazione agricola del fondo. Inoltre, il terreno di cui si diventa assegnatari con il finanziamento Ismea è gravato del vincolo di indivisibilità per 15 anni, come previsto dall’art. 11 del decreto legislativo n. 228/2001, il quale disciplina le modalità di vendita dei fondi acquistati, usufruendo dei finanziamenti per la proprietà coltivatrice.

Capitale massimo erogabile

Non si deve pensare che i finanziamenti Ismea non abbiano dei limiti; anzi essi prevedono dei massimali di aiuto per le imprese e per i giovani imprenditori agricoli che intendono acquistare o ampliare dei terreni agricoli in base a dei parametri stabili con volume massimo per investimenti aziendali agevolati, come riportato nella tabella sottostante.

Finanziamenti Ismea per acquisto di terreno agricolo

Azienda assegnata a un solo imprenditore agricolo

Azienda assegnata a più di un imprenditore e/o in forma di cooperativa

Capitale massimo erogabile

750.000 euro

250.000 euro per ogni socio a tempo pieno; per un massimale totale di 2.000.000 euro

La documentazione

Tutta la documentazione relativa ai finanziamenti Ismea per giovani agricoltori è disponibile cliccando qui.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
finanziamenti Ismea

Articoli correlati

Arriva l’assicurazione per grano tenero e duro: se i prezzi precipitano, ci sono indennizzi per mancato reddito

Il Ministero dell’agricoltura ha stanziato 10 milioni di euro per sperimentare un’assicurazione, la prima in Europa, sui ricavi di frumento

Nuova Pac: quanto si perde?

La nuova Pac ha deciso un taglio degli attuali pagamenti diretti, ma il sacrificio non sarà uguale per tutti gli

Grano duro: conviene coltivare con mezzi propri o rivolgersi al contoterzista?

Con prezzi di mercato bassi, una redditività ridotta e le incertezze derivanti dalla globalizzazione, non c’è dubbio che gli agricoltori

27 commenti

Scrivi un commento
  1. arturo1805
    arturo1805 30 giugno, 2015, 17:46

    Gent.le Roberto Bartolini,
    potrebbe dare ai lettori il preciso riferimento normativo e la relativa pubblicazione sul sito ISMEA delle iniziative da lei indicate?
    Purtroppo, pur impiegando un bel po’ di tempo, non riesco proprio a trovare niente sull’argomento aldilà del suo articolo.
    Grazie

    Distinti saluti

    Dott. Agr. Arturo Urso

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 1 luglio, 2015, 12:18

      Gentile dott. Urso, sul sito dell’Ismea si deve fare riferimento a “Nuovo regime di aiuti per l’inserimento di giovani in agricoltura”. L’impianto normativo è quello indicato, ma ultimamente sono state escluse alcune categorie che prima erano comprese.
      Grazie a lei per seguirci e cordiali saluti.

      Rispondi a questo commento
      • arturo1805
        arturo1805 1 luglio, 2015, 18:16

        Ok, grazie, potrebbe inviarmi il link da cui si evince che vi siano possibilità di finanziamento per l’ampliamento delle aziende preesistenti gestite da giovani agricoltori?

        Rispondi a questo commento
        • Roberto Bartolini
          Roberto Bartolini Autore 2 luglio, 2015, 10:17

          Tutta la documentazione è disponibile in questa pagina: http://www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/9364
          In particolare cliccando su “Scarica i criteri per l’attuazione del regime di aiuto”.

          Rispondi a questo commento
          • arturo1805
            arturo1805 2 luglio, 2015, 11:49

            Grazie, questo link lo conoscevo già.
            Sui documenti scaricabili da questo link:
            – non c’è alcuna traccia di ampliamento aziende agricole pre-esistenti…e d’altra parte se così fosse non si sarebbe chiamato “primo insediamento”;
            – l’importo massimo erogabile è di 70.000 in conto interessi, per progetti che vanno da 200.000 a 2.000.000 di euro…non si trova niente che faccia riferimento ai 750.000 euro descritti sull’articolo;
            – visto che alcuni clienti mi hanno chiesto di eventuali agevolazioni per l’ampliamento di aziende pre-esistenti, dopo aver letto il suo articolo ho immediatamente chiamato l’ISMEA. La risposta è stata: “non sono presenti agevolazioni per l’ampliamento di aziende pre-esistenti, aldilà di garanzie tramite SGFA srl che consentono solo ed unicamente di abbassare il tasso di interesse bancario del richiedente”.

            Pertanto, mi spiace comunicarle che alcune delle informazioni presenti su questo articolo risultano essere del tutto infondate.

          • Roberto Bartolini
            Roberto Bartolini Autore 3 luglio, 2015, 14:39

            Gentile dott. Urso, la ringrazio per la segnalazione e mi dispiace per l’imprecisione. Evidentemente all’Ismea hanno cambiato le carte in tavola, dato che la notizia che abbiamo riportato si trova tale e quale in almeno altri tre spazi web: http://www.finanziamentieuropei.net, http://www.infoprestitisulweb.it e anche su Confagricoltura.sardegna.it. La invito a controllare per accertarsi della nostra buona fede.
            In ogni caso visto, che oggi Ismea afferma che il finanziamento descritto non esiste, stiamo provvedendo a correggere l’articolo per non creare confusione tra gli addetti.

  2. Ary94
    Ary94 4 gennaio, 2016, 22:26

    Buona sera una domanda a cui non ho trovato risposta nel suo articolo
    Ismea finanzia anche se ci sono case e / o annessi agricoli ???

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 5 gennaio, 2016, 09:28

      Buongiorno Arianna, le faccio notare che questo articolo risale al giugno scorso. Il 30 novembre 2015 sono stati deliberati i nuovi criteri per l’attuazione del regime di aiuto, denominato ”Agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura”. Le modalità e i termini di presentazione delle domande per accedere alle agevolazioni saranno definiti nel bando che verrà pubblicato nel corso del mese di gennaio. Pertanto le consigliamo di seguire il bando sul portale dell’Ismea, dove già può trovare i dettagli di quanto è stato stabilito.
      Grazie per averci contattato.

      Rispondi a questo commento
  3. MARIO PIOPPO
    MARIO PIOPPO 20 gennaio, 2016, 09:05

    BUONGIORNO,
    CHIEDO UNA PRECISAZIONE I FINANZIAMENTI ISMEA per l’acquisto di terreni agricoli possono essere chiesti dall’imprenditore agricolo che ha 53 anni e ed è imprenditore a gricolo a titolo principale?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 21 gennaio, 2016, 09:00

      Buongiorno Mario, deve verificare sul sito di Ismea perché riteniamo che il bando a cui si riferisce l’articolo sia già scaduto. Occorre vedere se è stato rifinanziato anche per il 2016.
      Grazie per averci contattato.

      Rispondi a questo commento
  4. Agricola Giustina
    Agricola Giustina 23 gennaio, 2016, 12:19

    Buongiorno,

    Queste agevolazioni sono previste anche per il 2016?

    Grazie.

    Fabrizia

    Rispondi a questo commento
  5. Valeria
    Valeria 27 gennaio, 2016, 20:05

    Salve, noi abbiamo da poco ricevuto la proposta d’acquisto da Ismea . Purtroppo il prezzo e’ stato dimezzato. Adesso in seguito al nostro ricorso nei tempi previsti quanto dovremo aspettare per avere l’esito? Inoltre aumenteranno la somma prima proposta?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 28 gennaio, 2016, 13:03

      Gentile Valeria, il nostro sito svolge esclusivamente una funzione informativa, trattando in forma molto sintetica argomenti di carattere tecnico e normativo. Per questo motivo non possiamo fornire nessuna forma di consulenza online sui casi particolari come il suo, per i quali è necessario rivolgersi alle strutture di consulenza, pubbliche e private, abilitate a questo scopo. Grazie comunque per seguirci e per averci rivolto la domanda.

      Rispondi a questo commento
  6. Pasquale
    Pasquale 25 marzo, 2016, 16:05

    Gent.le dott. Roberto Bartolini, volevo sapere se si sa qualcosa per quanto riguarda la data dell’uscita del bando, perché si diceva per Gennaio 2016, ma siamo a fine Marzo e ancora non si sa niente. La ringrazio.

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 29 marzo, 2016, 11:02

      Gentile Pasquale, se consulta il sito di Ismea vedrà che nei giorni 17 e 18 marzo sono stati organizzati due incontri a Roma aperti al pubblico per fornire tutti i dettagli sul finanziamento in questione e si è annunciato che l’uscita dei bandi è imminente. Quindi è opportuno che tenga monitorato giorno per giorno il sito Ismea e telefoni all’ufficio relazioni con il pubblico al numero 06.85568319 o 06.855.68260.
      Grazie per seguirci.

      Rispondi a questo commento
  7. Dott. Armando Assenza Parisi
    Dott. Armando Assenza Parisi 23 giugno, 2016, 15:48

    buon giorno, abbiamo effetuato un insediamento di due giovani titolari nella nostra azienda agricola e agrituristica. vorremmo ampliare l’acquisto terreni e stiamo prgettando un laboratorio/pastificio artigianale. come possiamo avere consulenze appropriate sulle opportunità di bandi o aiuti per realizzare i nostri progetti??. la ringraziamo, cordiali saluti

    Rispondi a questo commento
    • Giuseppe D'Addario
      Giuseppe D'Addario 28 giugno, 2016, 08:01

      Deve rivolgersi ad un tecnico della sua regione che già conosce i relativi bandi regionali PSR inerenti l’ammodernamento dell’azienda (misura 4) e nel caso l’insediamento sia avvenuto da non più di 6 mesi anche l’aiuto all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori (misura 6).
      Distinti saluti

      Rispondi a questo commento
  8. Paola Botticchio
    Paola Botticchio 28 marzo, 2017, 07:50

    Sono imprenditore agricolo a titolo principale ed intendo ottenere dei finanziamenti Ismea per l’acquisto di terreni agricoli che attualmente sono intestati a mia madre e sono coltivati da me con un regolare contratto di affitto. Quale indicazione è in grado di fornirmi?

    Rispondi a questo commento
  9. Giuseppe D'Addario
    Giuseppe D'Addario 30 marzo, 2017, 11:24

    Dal quesito che ha esposto, si evince che Lei è già insediato in agricoltura come capo azienda in una ditta individuale oppure società agricola; per cui sulla base dell’ art. 5 del bando “insediamento di giovani agricoltori” non le è consentito parteciparvi.
    Qui può trovare i riferimenti normativi del suddetto bando: http://www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4652
    Distinti saluti

    Rispondi a questo commento
  10. Mino
    Mino 6 aprile, 2017, 22:43

    Mi è stato donato un terreno da mia madre defunta, mio padre in qualità di conduttore è in possesso dei titoli pac. può trasferirmeli in successione? ci sono spese da sostenere?

    Rispondi a questo commento
    • Giuseppe D'Addario
      Giuseppe D'Addario 8 aprile, 2017, 08:55

      Purtroppo la sua domanda manca di dati essenziali per una risposta precisa e dettagliata: Lei è agricoltore, lavoratore dipendente, lavoratore autonomo oppure inoccupato? E’ solo Lei proprietario del terreno che le è stato donato oppure anche suo padre? Suo padre ha deciso di chiudere l’attività visto che cedendole il titolo PAC si ritroverebbe con più ettari ammissibili rispetto ai titoli in portafoglio? Qual è la consistenza del terreno oggetto della donazione?Di che entità è il valore del titolo che suo padre Le dovrebbe trasferire?
      Comunque, in linee generali, per rispondere al suo primo quesito, suo padre per poter trasferirgli i titoli PAC devono verificarsi due condizioni:
      1. avere al momento della presentazione della domanda unica, un numero di superfici ammissibili pari ai titoli unitari acquisiti;
      2. essere “agricoltori attivi” .

      La circolare AGEA n. 121 del 1 marzo 2016, indica le modalità che individuano l’ agricoltore attivo, ossia quelle persone fisiche o giuridiche che al momento della presentazione della domanda unica,devono dimostrare di avere uno dei seguenti requisiti:
      • iscrizione all’Inps come coltivatori diretti, Iap, coloni o mezzadri
      • possesso della partita Iva attiva in campo agricolo

      In assenza di partita IVA, è considerato agricoltore attivo chi ha percepito un premio PAC massimo di:
      • 5.000 euro se l’azienda ha la maggior parte delle proprie superfici agricole ubicate nelle zone svantaggiate e/o di montagna
      • 1.250 euro negli altri casi;

      Inoltre sono qualificati agricoltori attivi persone fisiche e giuridiche che forniscono prove verificabili di:
      • presenza di attività agricole non insignificanti quando i proventi totali ottenuti da attività agricole nell’anno fiscale più recente sono almeno pari a 1/3 del totale
      • l’importo annuo dei pagamenti diretti sia almeno pari al 5% dei proventi ottenuti da attività non agricole nell’anno fiscale più recente;

      Per il secondo quesito, il trasferimento deve avvenire a mezzo di atto scritto registrato all’Agenzia delle Entrate e soggetto all’imposta di registro (Risoluzione Agenzia delle Entrate del 17/10/2006 n. 114), ossia se l’imposta proporzionale dovuta (0,5 % sul valore delle annualità trasferite) è minore di €200 (importo minimo fissato), l’imposta dovuta è pari a 200€ + marca da bollo.

      Rispondi a questo commento
  11. Elisa
    Elisa 12 maggio, 2017, 09:57

    Chiedo la verifica del seguente requisito soggettivo: Nel 2008 avevo 20 anni ed ho aperto la partita iva agricola per la conduzione dell’azienda agricola del nonno. Nel 2012 l’ho chiusa e negli anni di attività non ho usufrito di alcuna agevolazione. Ora ho trovato del terreno da acquistare e chiedo se posso usufruire del piano di insediamento ISMEA, nel rispetto di tutte le altre condizioni.

    Rispondi a questo commento
  12. Giuseppe D'Addario
    Giuseppe D'Addario 12 maggio, 2017, 13:54

    Premesso che il bando ISMEA per l’insediamento di giovani agricoltori è scaduto in data 12 maggio; Lei comunque non avrebbe potuto parteciparvi in quanto l’ art. 4 riguardo ai requisiti soggettivi, stabilisce la partecipazione esclusivamente ai giovani che intendono insediarsi per la prima volta in qualità di capo azienda. Se così non fosse, sarebbero molte le aziende che cesserebbero l’attività per poi riaprirla per ottenere fondi pubblici.
    Distinti saluti

    Rispondi a questo commento
  13. Giovanna73
    Giovanna73 3 novembre, 2017, 08:40

    Salve sono un imprenditrice agricola di 44 anni, ho stipulato il patto di famiglia con mia madre per continuare l attività agricola . Ho presentato domanda per l ammodernamento aziendale , fattoria sociale , impianto arboreo . Posso avere tramite l ismea un mutuo agevolato per affrontare il mio investimento ? Grazie

    Rispondi a questo commento
  14. ezio
    ezio 19 novembre, 2017, 03:02

    Salve. quali sono le tempistiche per sapere se una domanda per acquisto terreni è stata accettata da parte di ismea?

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*