Frumento, concentriamo la maggior parte dell’azoto nella fase di fine accestimento

Frumento, concentriamo la maggior parte dell’azoto nella fase di fine accestimento

Fatta eccezione per eventuali interventi di soccorso con azoto a pronto assorbimento se il frumento mostra sofferenza, la maggior parte dell’azoto (almeno il 60%) e una quota di zolfo vanno distribuiti sul grano nella fase di fine accestimento. Infatti in questa fase del suo ciclo biologico il frumento assorbe il nutriente con continuità e quindi è più che mai conveniente, se si opta per l’unico intervento, puntare su fertilizzanti a cessione graduale dell’azoto.

Altro momento topico è la levata, fase nella quale si cominciano a differenziare le spighe e i nodi cominciano a distanziarsi. Si tratta di una fase di intenso assorbimento e in questo caso la forma di azoto consigliata e più impiegata è quella a basso costo, cioè l’urea.

Massima attenzione va posta allo zolfo che è responsabile, in buona parte, dell’accumulo delle proteine nella granella. Quindi è un fattore che influenza la qualità e il prezzo di mercato del raccolto.

Una recente sperimentazione condotta da Terremerse a Ravenna dimostra come l’apporto di un concime azotato con zolfo abbia favorito un incremento di proteine dal 13,7 al 14,2%.

Ma quanto zolfo occorre? Almeno 20-30 kg/ha di SO3. Se poi l’agricoltore punta al massimo della qualità, sarà bene riservi un 25% dell’azoto totale da distribuire al momento della spigatura.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
frumento

Related Articles

Frumento: qual è l’epoca giusta per effettuare i trattamenti contro septoriosi e fusariosi

Ci sono le ruggini e c’è l’oidio, ma non c’è dubbio che i due nemici giurati più pericolosi per i

Analisi fertilità terreno: quali effettuare e perché

Un piano di fertilizzazione sostenibile, cioè che apporti una quantità di nutrienti calibrata in funzione delle asportazioni delle colture, non

Irroratrici: dopo 7 anni, solo un terzo è stato controllato

I controlli funzionali sulle irroratrici sono diventati obbligatori il 25 novembre 2014 per i contoterzisti e due anni dopo per

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment