Frumento, concentriamo la maggior parte dell’azoto nella fase di fine accestimento

Frumento, concentriamo la maggior parte dell’azoto nella fase di fine accestimento

Fatta eccezione per eventuali interventi di soccorso con azoto a pronto assorbimento se il frumento mostra sofferenza, la maggior parte dell’azoto (almeno il 60%) e una quota di zolfo vanno distribuiti sul grano nella fase di fine accestimento. Infatti in questa fase del suo ciclo biologico il frumento assorbe il nutriente con continuità e quindi è più che mai conveniente, se si opta per l’unico intervento, puntare su fertilizzanti a cessione graduale dell’azoto.

Altro momento topico è la levata, fase nella quale si cominciano a differenziare le spighe e i nodi cominciano a distanziarsi. Si tratta di una fase di intenso assorbimento e in questo caso la forma di azoto consigliata e più impiegata è quella a basso costo, cioè l’urea.

Massima attenzione va posta allo zolfo che è responsabile, in buona parte, dell’accumulo delle proteine nella granella. Quindi è un fattore che influenza la qualità e il prezzo di mercato del raccolto.

Una recente sperimentazione condotta da Terremerse a Ravenna dimostra come l’apporto di un concime azotato con zolfo abbia favorito un incremento di proteine dal 13,7 al 14,2%.

Ma quanto zolfo occorre? Almeno 20-30 kg/ha di SO3. Se poi l’agricoltore punta al massimo della qualità, sarà bene riservi un 25% dell’azoto totale da distribuire al momento della spigatura.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
frumento

Articoli correlati

Barra da diserbo con manica d’aria: un’ottima soluzione se c’è vento e si lavora su fitta vegetazione

Con la botte da diserbo Kverneland Ikarus S 28, con barra da 24 metri completa di manica d’aria, si sancisce

Ikarus, la botte che annulla le sovrapposizioni e che permette la tracciabilità di ogni trattamento

«Ridurre i costi di lavorazione e i tempi di lavoro grazie a un serbatoio più grande (30% in più rispetto

Diserbo mais: i vincoli regionali sull’uso della terbutilazina e le possibili soluzioni

In cinque regioni italiane – Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia ed Emilia-Romagna – continuano a essere attivi anche per

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*