Kverneland ad Agritechnica

Frumento duro, le migliori varietà per le prossime semine

Frumento duro, le migliori varietà per le prossime semine

Anche per il frumento duro, il Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura) ha realizzato per il 44° anno consecutivo le prove di confronto varietale per valutare i migliori prodotti su cui puntare (ieri abbiamo divulgato quelli del frumento tenero, clicca qui per leggere l’articolo). Tra le venti varietà presenti in tutti i campi-prova degli areali considerati, solo quattro hanno ottenuto i risultati migliori:

  • Kanakis (Semetica), che ha ottenuto rese superiori o uguali alla media in 33 campi prova su 38;
  • Monastir (Semetica), superiore in 28 campi su 38;
  • Antalis (CGS sementi), superiore in 27 campi su 38;
  • Furio Camillo (Sis), superiore in 23 campi su 38.

La varietà che ha ottenuto il più alto valore proteico (14,5%) è Aureo (Syngenta).

Vediamo ora il dettaglio nei due areali considerati dal Crea.

Migliori varietà di frumento duro al Sud e Isole

La varietà più produttiva e stabile di frumento duro nel Sud Italia e Isole è Kanakis, con resa di 5,79 t/ha, seguita da Monastir (Semetica) e Antalis (CGS sementi). Buone medie raggiunte anche da Alemanno (Coseme) e Iride (Syngenta), che sono varietà già collaudate, oltre che dalla novità Egeo (Syngenta).

Rese superiori alla media sono offerte anche da Claudio (Sis) e Furio Camillo (Sis), con buoni contenuti proteici e pesi ettolitrici. Infine, tra le novità vanno segnalati Egeo (Syngenta), Secolo (Syngenta) e Calò (Sis).

Migliori varietà di frumento duro al Nord

Le migliori varietà di frumento duro al Nord Italia, con rese superiori a 6 t/ha, sono Daurur (Semetica), Kanakis (Semetica) e Obelix (Syngenta), seguite da Secolo (Syngenta), Mario (Syngenta) e Tito Flavio (Sis).

Antalis (CGS sementi) e Monastir (Semetica) mostrano grande adattabilità ambientale e buon indice proteico (14%). Un contenuto proteico superiore al 15% è stato ottenuto da Simeto e Svevo (Sis), che però producono meno delle altre. Buon equilibrio tra produzione e indice proteico da Tirex (Apsov), Furio Camillo (Sis) e Solstizio (Conase).

Ora la parola spetta agli agricoltori, ai quali raccomandiamo di provare sempre ogni anno almeno due varietà mai seminate prima. Solo così si può cercare di fare qualche significativo passo avanti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
frumentograno duro

Articoli correlati

Come difendere il frumento coltivato in regime biologico dagli attacchi parassitari di oidio, septoria e ruggine

La scarsa produttività del frumento tenero e duro coltivato in regime biologico può dipendere in molti casi dalla difficoltà di

Sos mais italiano: in dieci anni persi oltre 400mila ettari di superficie seminata

Italia, anno 2006: 1.100.000 ettari a mais. Italia, anno 2016: 656.000 ettari a mais. Questo il bilancio del tracollo di

Boom della soia non ogm in Italia: superati i 400 mila ettari e i 40 euro/quintale

Ci sono voluti parecchi anni e un prezzo del mais in costante flessione per convincere gli agricoltori italiani che la

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*