Grano duro, fino a quando dureranno i prezzi alti?

Grano duro, fino a quando dureranno i prezzi alti?

«Per tutta la campagna di commercializzazione 2021/2022 si prevede un forte squilibrio tra domanda e offerta del grano duro, con prezzi che si manterranno molto elevati almeno sino a febbraio 2022». È l’analisi di Angelo Frascarelli su Terra e Vita, giustificata da una diminuzione dell’offerta mondiale e da scorte ai minimi storici. Da vent’anni non si registrava una produzione così bassa di frumento duro nel mondo, con impennate dei prezzi di 200 euro/tonnellata in soli due mesi.

Nord America in crisi di raccolti

La causa principale è da imputare al Nord America (Usa e Canada) con un vistoso calo produttivo, giudicato eccezionale, pari al -50% in Usa e -65% in Canada. E considerando che il Canada esporta quasi tutta la sua produzione e partecipa per oltre il 50% al commercio mondiale di grano duro, il gioco è fatto!

In Italia, tra l’altro, è in atto un’impennata del consumo di grano duro, innescata dall’affermazione sempre maggiore sugli scaffali della pasta con grano 100% italiano: un segnale estremamente positivo per i nostri granicoltori. Per le prossime semine dunque si prevede in Italia un incremento della superficie a duro, anche se non sarà esplosiva, dal momento che le rese si mantengono basse nei terreni marginali e molti agricoltori hanno imparato fortunatamente l’importanza dell’avvicendamento al posto della monocoltura.

Teniamo inoltre conto del fatto che il grano duro, oltre a prezzi di mercato oggi molto favorevoli, gode di aiuti importanti quali il sostegno accoppiato (che vale circa 90 euro/ha per alcune regioni del centro-sud) e del Fondo grano duro per i contratti di filiera (con circa 100 euro/ha).

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
grano duro

Related Articles

Serve l’occhio vigile del Ministero sulle Regioni, altrimenti la nuova Pac sarà un flop

Il pessimo stato di avanzamento della spesa dei PSR 2014-2020 mette in rilievo due fatti: La cronica incapacità del nostro

Dall’agronomo burocrate all’agronomo smart: il ”grillo parlante” dell’imprenditore agricolo

In agricoltura è un passaggio complicato quello che va dalla tradizione all’innovazione, perché implica un cambio radicale di mentalità e

Glifosate verso rinnovo autorizzazione: “Non è cancerogeno”

La temuta scadenza dell’autorizzazione del glifosate all’uso in agricoltura, fissata per la fine del 2022, si tinge di verde speranza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment