Greening e diversificazione: la scelta delle colture è libera

Greening e diversificazione: la scelta delle colture è libera

Un agricoltore che ha più di 30 ettari a seminativo ha facoltà di decidere liberamente quali colture seminare nel rispetto dei seguenti vincoli: la coltura principale non può superare il 75% della superficie totale a seminativo e le due colture principali non possono superare più del 95%.

Ad esempio: 75% pomodoro, 20% mais e 5% girasole rispetta la diversificazione, perché si tratta di specie diverse, ma per rispettare in pieno il greening deve anche destinare un 5% della superficie alla cosiddetta area ecologica, e quindi deve diminuire la superficie di una delle tre colture previste.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
greening

Articoli correlati

Anche i terreni a riposo prendono la Pac

Tra le superfici ammissibili per ricevere i pagamenti diretti della nuova Pac sono compresi anche i terreni a riposo (set

Il nuovo Programma di Sviluppo Rurale Nazionale finanzia rischi, irrigazione e biodiversità animale

È stato approvato dall’Unione europea il Programma di Sviluppo Rurale Nazionale (PSRN), da non confondere con i PSR regionali. Si tratta

Domanda Pac 2017 e prati permanenti: come comportarsi per non fare errori

Il prossimo 15 maggio scade il termine per la presentazione della domanda Pac 2017. I temi su cui è bene essere

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*