Greening e diversificazione: la scelta delle colture è libera

Greening e diversificazione: la scelta delle colture è libera

Un agricoltore che ha più di 30 ettari a seminativo ha facoltà di decidere liberamente quali colture seminare nel rispetto dei seguenti vincoli: la coltura principale non può superare il 75% della superficie totale a seminativo e le due colture principali non possono superare più del 95%.

Ad esempio: 75% pomodoro, 20% mais e 5% girasole rispetta la diversificazione, perché si tratta di specie diverse, ma per rispettare in pieno il greening deve anche destinare un 5% della superficie alla cosiddetta area ecologica, e quindi deve diminuire la superficie di una delle tre colture previste.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
greening

Articoli correlati

L’Europa si accorge che l’agricoltura conservativa è decisiva per mitigare le emissioni di carbonio

Utilizzando l’agricoltura conservativa, in Europa gli agricoltori potrebbero eliminare quasi 200 milioni di tonnellate di CO2 dall’atmosfera, semplicemente cambiando il

Semina su sodo e divieto di usare diserbanti: ecco i motivi di una decisione sbagliata

La scelta della Regione Molise di vietare l’uso del diserbo agli agricoltori che aderiranno alla nuova misura 10 del PSR

Agricoltura, via alla campagna di sottoscrizione delle assicurazioni 2016. Ecco le novità

Alluvione, gelo, brina e siccità (avversità catastrofali); grandine, venti forti ed eccesso di neve e di pioggia (avversità di frequenza); colpi

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*