Spandiconcime Kverneland

Greening e diversificazione: la scelta delle colture è libera

Greening e diversificazione: la scelta delle colture è libera

Un agricoltore che ha più di 30 ettari a seminativo ha facoltà di decidere liberamente quali colture seminare nel rispetto dei seguenti vincoli: la coltura principale non può superare il 75% della superficie totale a seminativo e le due colture principali non possono superare più del 95%.

Ad esempio: 75% pomodoro, 20% mais e 5% girasole rispetta la diversificazione, perché si tratta di specie diverse, ma per rispettare in pieno il greening deve anche destinare un 5% della superficie alla cosiddetta area ecologica, e quindi deve diminuire la superficie di una delle tre colture previste.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
greening

Articoli correlati

Frumento: il tenero mantiene le posizioni, il duro è in forte calo. Ma i prezzi sono in crescita

Dalle prime stime sulle mosse degli agricoltori europei, il frumento tenero mantiene le superfici del 2016 (24,3 milioni di ettari),

Pac: se si fanno mais e soia di secondo raccolto, qual è la coltura diversificante per il greening?

Gli impegni del greening sulla diversificazione delle colture obbligano le aziende che oltrepassano i 30 ettari a seminativi di introdurre

Anche la disoccupazione agricola è compatibile con i pagamenti tramite voucher

Novità interessante nella circolare n. 170 dell’Inps del 13 ottobre, che stabilisce come nel settore agricolo, tra coloro che percepiscono

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*