Offerta Botte Kverneland

Iper e super ammortamento: le agevolazioni fiscali per chi investe nell’agricoltura di precisione

Iper e super ammortamento: le agevolazioni fiscali per chi investe nell’agricoltura di precisione

L’allegato A dell’ultima Legge di Stabilità prevede delle agevolazioni fiscali – il cosiddetto “iperammortamento” del 150% – per l’acquisto di beni strumentali ad alto contenuto tecnologico, destinate agli agricoltori e anche ai contoterzisti. Con questo dispositivo le quote ordinarie possono essere aumentate del 150%.

L’iperammortamento al 150%

Per esempio, un kit per guida satellitare del valore di 20.000 euro, grazie all’iperammortamento porta a un risparmio fiscale pari a:

  • Anno 2017: 3.000 euro
  • Anno 2018: 6.000 euro
  • Anno 2019: 6.000 euro
  • Anno 2020: 6.000 euro
  • Anno 2021: 6.000 euro
  • Anno 2022: 3.000 euro
  • TOTALE: 30.000 euro, anziché 20.000 con l’ammortamento normale.

Con un reddito soggetto a tassazione al 39%, la riduzione del costo fiscale nel periodo di ammortamento ammonta a 11.500 euro che, rapportati al costo della macchina, incidono per il 57,5%.

Le attrezzature che possono godere dell’iperammortamento

L’Agenzia delle entrate scrive: «Nel progetto “Industria 4.0” godono di iperammortamento tutte le trattrici e le macchine agricole portate, trainate e semoventi, che consentono la lavorazione di precisione in campo grazie all’uso dell’elettronica, sensori e gestione computerizzata delle logiche di controllo».

Abbiamo chiesto a Roberto Guidotti di Unima di farmi qualche esempio. Questa la sua risposta:

Il legislatore ha precisato le caratteristiche tecniche delle macchine che godono dell’iperammortamento, cioè i dispositivi di cui devono essere dotate, a seconda della tipologia e dell’uso in campo, come per esempio:

  1. il computer di bordo;
  2. un sistema informatico integrato fra centro aziendale e macchina agricola in grado di scambiare dati tramite scheda SIM;
  3. il collegamento via GSM per il controllo dalla sede aziendale delle condizioni di lavoro delle macchine;
  4. i sistemi per il controllo in continuo dei parametri di lavoro;
  5. i sistemi per la guida assistita e automatica;
  6. i kit per la distribuzione dei mezzi tecnici a dose variabile;
  7. i sistemi per realizzare le mappe di raccolta e di vigore vegetativo;
  8. i sistemi per la connessione tra trattore e attrezzo secondo il protocollo Isobus;
  9. i sistemi per la tracciabilità della distribuzione dei prodotti chimici in campo o dei piami di spandimento dei reflui e digestati.

Si tratta dunque di motrici e operatrici di nuova generazione provviste di sistemi computerizzati che, di fatto, sono le protagoniste di quella che chiamiamo “agricoltura di precisione“.

Il superammortamento al 40%

Per quanto riguarda il superammortamento al 40%, si tratta della proroga degli ammortamenti maggiorati già in vigore lo scorso anno, con una maggiorazione per i beni strumentali ad alto contenuto tecnologico, descritte sopra. Questa norma riguarda le sole aziende soggette alle regole del reddito d’impresa e non quelle che determinano il reddito imponibile secondo altri criteri come quello catastale. A differenza dell’ammortamento economico, quello fiscale si calcola in base a percentuali fisse. Così lo illustra Guidotti:

Il superammortamento maggiorato è applicabile alle macchine nuove acquistate negli anni 2016 e 2017 con una maggiorazione della quota di ammortamento del 40%. Per esempio, per una macchina agricola operatrice acquistata nel 2017 a 200.000 euro, il superammortamento prevede:

  • Anno 2017: 8.000 euro
  • Anno 2018: 16.000 euro
  • Anno 2019: 16.000
  • Anno 2020: 16.000
  • Anno 2021: 16.000
  • Anno 2022: 8.000 euro
  • TOTALE : 80.000 euro

Ciò significa che l’azienda in 6 anni di ammortamento ridurrà il proprio reddito imponibile di 80.000 euro complessivi.

Con un reddito pro capite di almeno 45.000 euro (su cui le imposte gravano per il 39%, comprese le addizionali), il risparmio fiscale si aggira su 31.200 euro. «Un risparmio – fa notare Guidotti – che equivale a un contributo in conto capitale (soggetto a tassazione) di circa 51.000 euro, che rapportati all’investimento, corrispondono al 25,5%».

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Nuova PAC, il guadagno insperato

Cosa succede agli agricoltori che nel 2015 diminuiscono la loro superficie Pac? Facciamo il caso di un’azienda che nel 2014 ha

Come saranno i prezzi del frumento tenero e duro? Ecco le risposte da un sondaggio di Terra e Vita

Oltre il 60% degli intervistati vede il frumento tenero sotto i 21 euro al quintale, mentre solo il 15% pensa

Stop al glifosate: alcune regioni varano delibere e mozioni, ma sono frutto di ignoranza

L’Italia ancora una volta è il paese degli assurdi paradossi. Importiamo almeno il 40% del grano che ci occorre per mangiare,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*