La barbabietola coltivata in biologico è un’opportunità economica anche per l’Italia

La barbabietola coltivata in biologico è un’opportunità economica anche per l’Italia

La domanda di zucchero biologico da barbabietola sta superando l’offerta, anche perché in Europa la barbabietola biologica viene coltivata su appena 2.660 ettari tra Austria e Germania. In Austria il prezzo odierno dello zucchero bio è di 0,60 euro/100 g, contro 0,24 euro/100 g dello zucchero classico, quindi con un rincaro del 150%: una cifra niente male, tant’è che la coltivazione bio si prevede in forte espansione.

E in Italia? Lo spazio non mancherebbe, ma occorre fare due conti, come propone Giovanni Bettini im un articolo uscito di recente su L’Informatore Agrario di cui riportiamo i punti salienti.

Barbabietola biologica: costi e ricavi a confronto

Il costo di coltivazione della barbabietola convenzionale è pari a 1.118 euro, ai quali si aggiungono 392 euro/ha per la difesa anticercosporica. Il costo della barbabietola biologica è invece pari a 1.318,00 euro/ha, compreso il diserbo meccanico. Ne deriva che:

  • Resa della barbabietola convenzionale: 59 t/ha (peso radici)
  • Resa della barbabietola biologica: 47 t/ha, cioè -25% per anticipata raccolta a fine luglio.

E in conclusione:

  • Ricavo totale barbabietola convenzionale: 879 euro/ha.
  • Ricavo totale barbabietola bio: 585,5 euro/ha.

Gli aiuti previsti dai Piani di sviluppo rurale

A questo punto però occorre aggiungere gli aiuti previsti da due misure dei Piani di sviluppo rurale: la misura 11.1 dedicata all’agricoltura biologica e la misura 10.1 dedicata ai pagamenti agroclimatici ambientali.

Per continuare nella nostra simulazione economica ci riferiamo al PSR dell’Emilia-Romagna, che prevede tre sottomisure: la 10.1.01 dedicata al sistema irriguo Irrinet, la sottomisura 10.1.2 dedicata alla gestione degli effluenti e la sottomisura 10.1.3 dedicata all’incremento di sostanza organica.

  • Misura 11.1 “Conversione a pratiche biologiche”: 357 euro/ha.
  • Misura 10.1.01 “Irrinet”: 15 euro/ha.
  • Misura 10.1.2 “Gestione effluenti”: 100 euro/ha.
  • Misura 10.1.3 “Incremento sostanza organica”: 100 euro/ha.
  • Totale misure PSR: 572 euro/ha.

Se sommiamo i 572 euro/ha ai 525,5 euro/ha, otteniamo un margine lordo della barbabietola bio di 1.237, 50 euro/ha, che costituisce un riferimento economico di sicuro interesse per gli agricoltori italiani.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura biologicabarbabietola da zucchero

Articoli correlati

Puntiamo sulla doppia coltura: come massimizzare le rese di loietto italico e mais

Loietto italico seguito da mais insilato è l’accoppiata più gettonata, sin dagli anni ottanta, dalle aziende agrozootecniche della Pianura Padana. Non

Grano duro: con 65 quintali/ettaro di produzione e contratto pre-campagna, i conti tornano

«Per il frumento è stata una buona annata, tuttavia non mi aspettavo di produrre 65 quintali/ettaro con il grano duro

La semina del mais nel PAG di Castiglione delle Stiviere

Sull’appezzamento dedicato al PAG (Progetto Agronomico Globale) di Kverneland Group Italia presso l’azienda Rossi di Castiglione delle Stiviere (Mantova) si

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*