La medica è un seminativo o un prato permanente?

La medica è un seminativo o un prato permanente?

I pagamenti diretti della nuova Pac vengono erogati per ettaro di terreno utilizzato a seminativo, a colture permanenti o a prati e pascoli. Ma la medica come si deve considerare? Un seminativo o un prato? Questa la risposta:

  • È un seminativo e rientra negli avvicendamenti sino al 5° anno dall’impianto.
  • È un prato permanente dal 6° anno dall’impianto.

Vediamo ora gli impegni per genera per l’agricoltore nei due casi.

  • Se è seminativo deve rispettare gli impegni della diversificazione e del greening. Quindi la medica, che è azotofissatrice, si può seminare sul 5% di aree di interesse ecologico (EFA) ed è anche classificabile come pianta da foraggio.
  • Se è prato e pascolo la medica non contribuisce né alla diversificazione, né alle EFA.

Alcuni vantaggi importanti

La medica è erba o pianta erbacea da foraggio e questo è rilevante – sottolinea Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia – perché i due impegni di diversificazione ed EFA non si applicano se i seminativi sono utilizzati per più del 75% per produrre erba, a condizione che i seminativi non sottoposti a tali impieghi non siano superiori a 30 ettari.

E se si vuole convertire il prato a seminativo?

Se un agricoltore vuole convertire i prati e pascoli permanenti a seminativo, deve chiedere autorizzazione ad Agea che la rilascia entro 30 giorni con una sorta di silenzio-assenso. Quindi l’autorizzazione è automatica.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
erba medicanuova Pac

Articoli correlati

”Sono un agricoltore innovativo, ma mantengo la tradizione dei rivai”

«Andare a tagliare la legna è diventato troppo difficile e tanti preferiscono comprare il bancale già pronto, ma io finché

Nuova Sabatini: prorogate al 31 dicembre 2020 le agevolazioni per l’acquisto di beni strumentali

Il “decreto Crescita” del governo ha confermato la proroga alla “Sabatini”, la legge che eroga agevolazioni sull’acquisto di macchinari, attrezzature,

Pac 2018: pagamento maggiorato per i giovani e risolto il dilemma loietto-prato permanente

A fine aprile verrà emanato un apposito decreto che recepirà alcune novità introdotte per la Pac 2018. Ne anticipiamo i

1 commento

Scrivi un commento
  1. Ella Ronn
    Ella Ronn 11 Gennaio, 2020, 11:39

    Il Decreto ministeriale n. 6513 del 18 novembre 2014 prevede che l’obbligo di rispetto della quota “prati e pascoli permanenti” si applichi a livello nazionale; quindi il singolo agricoltore non deve avere preoccupazioni per questo impegno. Tuttavia, qualora uno Stato membro accerti che il rapporto e diminuito di oltre il 5%, deve prevedere obblighi per i singoli agricoltori di convertire terreni a prato permanente. Il Decreto ministeriale n. 6513 del 18 novembre 2014, per cautela, ha fissato questa percentuale al 3,5%.

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*