La sostenibilità ambientale non danneggi le eccellenze alimentari

La sostenibilità ambientale non danneggi le eccellenze alimentari

Guardate lo schema qui sotto pubblicato da La Repubblica il 22 maggio scorso a corredo di un articolo di Carlo Petrini.

Il titolo è “La dieta per la salute e per l’ambiente” e sotto a sinistra si indicano i prodotti non sostenibili, che comportano emissioni di 37 kg di CO2 equivalenti, mentre a destra ci sono i prodotti sostenibili, che invece producono solo 14 kg di CO2 equivalenti. Dunque si sostiene che uova, carne, formaggi, pane, salumi eccetera non farebbero bene alla salute e all’ambiente, mentre tutti i vegetali e non ben identificate bevande farebbero bene. Un bel modo per sostenere le nostre eccellenze alimentari del made in Italy che tutto il mondo ci invidia, e anche la dieta mediterranea di cui andiamo giustamente orgogliosi!

Non è per caso che ora, in un delirio universale, si mette davanti a tutto la emissione di CO2, che diventa il parametro più importante per distinguere tra buoni e cattivi? Cosa dovremmo fare allora delle fabbriche, delle auto, degli aerei e via discorrendo?

Anche i mezzi di informazione, oltre che molti politici, debbono recuperare un po’ di equilibrio, perché se è giusto pensare all’ambiente e tentare in ogni modo di limitare le emissioni, non è che poi dobbiamo farci del male dal punto di vista economico e della salute.

Dice ancora il testo: “Scegliere la sostenibilità e la salute significa risparmiare 23 kg di CO2 eq. ogni settimana”. Quindi, secondo l’articolo di Repubblica dovremmo diventare tutti vegetariani?

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
Carlo Petrini

Related Articles

I PSR finanziano informazione e consulenza per gli agricoltori, ma i soldi non vengono usati

Il nostro agricoltore, frastornato da un selva burocratica sempre più intricata e inaccessibile, avrebbe bisogno come il pane della consulenza

Agricoltura, l’innovazione deve essere pilotata dagli agronomi alle dipendenze dei contoterzisti

È inutile che continuiamo a chiederci perché mai l’agricoltura di precisione e i sistemi digitali sono così poco diffusi nelle

La Pac si incassa anche se non si coltiva. A patto che si rispettino alcune norme operative

Secondo la nuova Pac, un terreno a riposo (definito “set aside” o “maggese”) anche per più anni è una superficie

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment