Le cooperative agricole sono una gran cosa, a patto che gli amministratori siano capaci

Le cooperative agricole sono una gran cosa, a patto che gli amministratori siano capaci

Il mondo agricolo organizzato in cooperative acquista più potere di mercato e più alternative per il collocamento del prodotto, e in tempi come i nostri sappiamo quanto questi due aspetti contino. Ma sappiamo bene che purtroppo non sempre la cooperativa funziona, soprattutto – come osserva Angelo Frascarelli in un recente articolo sull’Informatore Agrario – quando sono intese come “vacca da mungere” o come “pascolo” politico sindacale, che ha generato inefficienze e fallimenti, gravi danni ai soci e perdite di capitali e di valori.

L’identikit del presidente ideale di cooperativa agricola

Ma allora qual è l’identikit e quali capacità deve possedere il presidente o un membro del consiglio di amministrazione di una cooperativa agricola? Proviamo a elencarli qui di seguito.

  1. Essere socio produttore della coltura o del prodotto conferito, che deve avere un ruolo chiave nei ricavi della sua impresa.
  2. Essere autonomo nelle valutazioni e nei giudizi nell’esclusivo interesse della cooperativa.
  3. Non deve avere conflitti di interesse.
  4. Non deve ricoprire incarichi apicali in strutture fornitrici della cooperativa.
  5. Deve avere bilanci a posto nella sua impresa.
  6. Deve essere orientato all’innovazione tecnica e gestionale.
  7. Non deve avere un approccio di resistenza al cambiamento o alla ricerca del “nemico”.
  8. Deve avere capacità relazionali e attirare la collaborazione.
  9. Deve avere un approccio altruista e non opportunista.

Ora ognuno volga lo sguardo nella propria area di residenza e confronti le nove “virtù” sopraelencate con le realtà cooperative che conosce. Cosa salta fuori? Che le migliori cooperative sono guidate da agricoltori, autonomi da condizionamenti, capaci e professionali, mentre le peggiori hanno presidenti che sono controfigure del potere politico e sindacale. Riusciremo mai a mettere le cose a posto?

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Angelo Frascarellicooperative agricole

Articoli correlati

Niente Pac nel 2014. Cosa succede nel 2015?

Facciamo il caso di un agricoltore che ha fatto domanda Pac nel 2013 con i suoi titoli storici, ma nel

Disco verde per la soia nelle aree di interesse ecologico

Il Mipaaf finalmente ha deciso, con la pubblicazione di un decreto, come ci si deve comportare nelle aree vulnerabili ai

PSR Piemonte: da 125 a 300 euro/ettaro a favore della biodiversità in risaia

C’è una sottomisura molto interessante nell’ambito della misura M 10 “Pagamenti agro-climatici-ambientali” del nuovo PSR della Regione Piemonte, la 10.1.2,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*