Campagna finanziaria Young 140

Verdure in miniatura: la nuova moda degli chef è un’opportunità di reddito per gli agricoltori

Verdure in miniatura: la nuova moda degli chef è un’opportunità di reddito per gli agricoltori

Cavolo nero, ravanello, broccolo, basilico, coriandolo, fagiolo, pisello e spinacio: queste verdure, se coltivate in serre con luci a led e raccolte ancora immature quando contengono il massimo di nutrienti, hanno concentrazioni di vitamine 40 volte superiori alla norma. Si tratta delle “verdure in miniatura” o “microgreen“, ultimamente ricercatissime dai più famosi chef e dai consumatori più esigenti, tanto da essere vendute nella grande distribuzione a caro prezzo: dai 30 ai 50 euro/kg.

A San Pietro in Casale, in provincia di Bologna, l’imprenditrice agricola Maria Cristina Orsini, intervistata su Terra e Vita n. 15/2017, ha fondato Holerilla (dal latino “olera” per “verdure” e “illa” per “piccole”), dove fa germogliare e crescere le giovani piantine edibili molto richieste dalla ristorazione e anche dai singoli consumatori che cominciano ad apprezzare questi sapori sconosciuti dalle elevate proprietà nutrizionali.

Orsini ha ristrutturato un piccolo casolare e realizzato l’ambiente di coltivazione illuminato a led, dove utilizza solo sementi non trattate, terriccio certificato e acqua, senza impiego di concimi e agrofarmaci. Le verdure germogliano nelle camere di crescita alla temperatura di 18-20 °C e con l’80% di umidità, grazie a un impianto di subirrigazione. I germogli maturano, a seconda delle specie, da una settimana a un mese, quindi i cicli colturali sono molto brevi; poi le verdure in miniatura vengono consegnate all’acquirente nel loro contenitore con terriccio. Ma presto, dice Orsini, verrà messo a punto un packaging adeguato.

Le verdurine hanno una “durata” che arriva a due settimane, e anche se l’attività di coltivazione è giovane, le richieste stanno aumentando, costringendo l’imprenditrice ad aumentare i volumi produttivi e a cercare anche un canale distributivo in grado di soddisfare la crescente domanda.

Le due foto presenti in questo articolo sono tratte da Terra e Vita n.15/2017.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

”Piano Nazionale Glifosate Zero: la decisione di Martina è contro l’agricoltura”

La Commissione ambiente del Parlamento europeo ha votato no al rinnovo dell’uso del glifosate in agricoltura. Ora si deve attendere

L’Europa si accorge che l’agricoltura conservativa è decisiva per mitigare le emissioni di carbonio

Utilizzando l’agricoltura conservativa, in Europa gli agricoltori potrebbero eliminare quasi 200 milioni di tonnellate di CO2 dall’atmosfera, semplicemente cambiando il

PSR Lombardia, arrivato l’ok dall’UE. Ecco la misura 4.1. Tra poco i bandi per sostenere gli investimenti

Dopo Toscana, Umbria, Emilia-Romagna e Veneto, anche la Lombardia ha avuto il disco verde dall’Unione europea per il nuovo Piano

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*