Mais: evitare stress, combattere la piralide e usare il sistema biologico del ceppo AF-X1 contro le aflatossine

Mais: evitare stress, combattere la piralide e usare il sistema biologico del ceppo AF-X1 contro le aflatossine

Il rischio di contaminazione per il mais, soprattutto da aflatossine, è in aumento – almeno così dicono gli esperti, in seguito al cambiamento climatico in atto. La gran siccità e il gran caldo di questo giugno 2017 avranno dunque effetti sul mais italiano?

Teniamo ben presente che tutte le condizioni di stress, quindi anche da caldo, contribuiscono a incrementare il contenuto di micotossine, pertanto tutto quello che l’agricoltore può fare per evitare sofferenze al suo mais è d’obbligo per sperare in un raccolto sano. Proviamo a elencare qui di seguito gli aspetti più importanti a cui prestare attenzione.

Gestire l’irrigazione con molta cura

Al primo posto ci mettiamo l’irrigazione, se la situazione di emergenza di quest’anno non ostacolerà l’arrivo dell’acqua nelle aziende.

L’irrigazione va fatta bene anche nella fase avanzata della coltura se il terreno chiama acqua. Attenzione però, perché apporti irrigui oltre la fase di maturazione lattea favoriscono condizioni ideali per lo sviluppo del Fusarium e quindi delle fumonisine.

Lotta alla piralide e alle aflatossine

Altro punto chiave è la lotta alla piralide, che provoca vie di penetrazione per i funghi patogeni vettori delle micotossine. La difesa si attua con interventi sulla seconda e la terza generazione della piralide, monitorata con le trappole, con lanci di Trichogramma brassicae anche con l’impiego dei droni.

Contro le aflatossine è invece da consigliare la lotta attraverso l’uso di AF-X1, un agente di biocontrollo a base di un ceppo selezionato di A. Flavus capace di ricombinarsi con ceppi produttori di aflatossine, autorizzato in Italia solo per il mais a uso zootecnico. Questo prodotto consiste in semi di sorgo devitalizzato e quindi incapaci di germinare, che agiscono come vettore per le spore del fungo buono che combatte quello dannoso. Il prodotto può essere distribuito alla dose di 25 kg/ha utilizzando lo spandiconcime nel periodo post sarchiatura e sino a 15 giorni prima della fioritura del mais.

Sono già oltre 1500 le aziende in Pianura Padana che usano l’AF-X1, brevettato dall’Università cattolica di Piacenza e da Pioneer Hi-Bred. Il prodotto non va interrato e in assenza di piogge è consigliata un’irrigazione dopo il trattamento.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
AF-X1aflatossinemaispiralide

Articoli correlati

La nuova Pac continua a premiare le leguminose da granella: vediamo come

Soia al Nord, proteoleaginose in Toscana, Umbria, Marche e Lazio e proteaginose in Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia

Coltivare l’erba medica, un prodotto dai numerosi vantaggi

Oltre alla soia, le nuove regole della Pac 2015-2020 spingeranno ancora più in alto l’erba medica, un prodotto aziendale di

Colza: seminare presto con una macchina di precisione per raccogliere a metà giugno

Coltura che in Italia non decolla mai come dovrebbe, ma che per fortuna alcuni agricoltori non dimenticano e anzi la

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*