Campagna rottamazione Kverneland

Mais, i migliori ibridi emersi dalle prove nazionali del Crea

Mais, i migliori ibridi emersi dalle prove nazionali del Crea

Come ogni anno il Crea di Bergamo pubblica sulle riviste specializzate i risultati delle prove di confronto varietale degli ibridi di mais in diverse località. Riassumiamo qui di seguito i risultati salienti, consigliando l’agricoltore che si appresta a programmare le semine, di dedicare almeno una piccola parte della sua superficie a ibridi mai seminati prima per verificare se le novità, nella propria realtà aziendale, possono concorrere a un aumento della redditività.

Nelle prove nazionali 2018 gli ibridi di classe 500 hanno prodotto in media 135,5 ql/ha con umidità della granella del 19,8%, gli ibridi di classe 600 hanno prodotto in media 138,4 ql/ha con umidità del 21,4% e gli ibridi tardivi di classe 700 hanno prodotto in media 139,9 ql/ha con umidità del 23,1%.

Classe 500: i migliori ibridi di mais

Si sono collocati ai vertici della classe 500, con rese da 145 a 136 ql/ha, i seguenti ibridi: P1134, P0937, Kefieros, Kontigos, KWS Proprimero, MAS 59-BN, Sismico Sistematico, SY Helium.

Classe 600: i migliori ibridi di mais

Si sono collocati ai vertici della classe 600, con rese da 150 a 134 ql/ha, i seguenti ibridi: P1672, P1547, MAS 68 K, DKC6728, DKC6752, Kalmus, Kefrancos, Kelindos, KWS Portofino, KWS Kadmio.

Classe 700: i migliori ibridi di mais

Si sono collocati al vertice della classe 700, con rese da 146 a 132 ql/ha, i seguenti ibridi: Shaniya, Syantex, P2088, P1758, MAS78T, LG30.692, DKC6980.

Ibridi precoci: i migliori delle classi 300 e 400

Nelle prove nazionali, gli ibridi di classe 300 hanno prodotto in media 102,6 ql/ha di granella al 14,7% di umidità, mentre gli ibridi di classe 400 hanno raggiunto una media di 108,2 ql/ha con umidità del 15,8% e punte produttive anche di 122 ql/ha.

Gli ibridi più produttivi sono i seguenti:

  • Classe 300: P9241, Kenobis, DKC4316, SY Zephir, MAS 43.
  • Classe 400: P0729, P0837, MAS 55.N, DKC5530, MAS53R.

Ibridi da trinciato di classe 600 e 700

La media produttiva delle prove nazionali è stata di 283,4 ql/ha di sostanza secca.

Gli ibridi di classe 600 che si sono distinti maggiormente sono P1672, DKC6664, P1535, Kelindos, SY Hydro. Gli ibridi di classe 700 più produttivi sono Shaniya, P2088, LG30.703, DKC7084, P1570.

Attenzione alla digeribilità della fibra

Poiché ai fini della mangiatoia è molto importante questo fattore, le prove nazionali hanno evidenziato che alcuni ibridi come DKC6664, P1672, P1535, LG30.718, all’alto valore nutritivo in unità foraggere latte (Ufl) uniscono anche un’alta digeribilità della frazione fibrosa.

Altri ibridi come Shaniya, SNH1713, Aveline, pur avendo un basso contenuto in Ufl, mostrano alta digeribilità della fibra. Infine, ibridi come KWS Edusa e DKC7074 hanno alto valore nutritivo ma bassa digeribilità della fibra.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
maisprove varietali

Articoli correlati

Varietà e diserbo del sorgo, un ottimo sostituto del mais

Resiste alla siccità, è parco nelle sue esigenze nutritive, si adatta a svariate tipologie di terreni e sostituisce egregiamente il

Kverneland a-drill, il cantiere ideale per le cover crops

Kverneland a-drill è un nuovo attrezzo per la semina delle cover crops (clicca qui per saperne di più sui benefici

Orzo da malto e microbirrifici, un’alternativa vincente

La straordinaria diffusione dei microbirrifici agricoli e artigianali sta facendo crescere l’interesse attorno all’orzo da malto. Sono quattro i parametri per

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*