Mais, soia, sorgo, girasole: come vanno i conti?

Mais, soia, sorgo, girasole: come vanno i conti?

Con i prezzi in picchiata delle ultime settimane, per avere un reddito lordo in positivo non rimane che aumentare le rese per ettaro. E sappiamo che si può fare…..

Gli agricoltori in questi giorni hanno già il pensiero alla prossima campagna, e con la nuova Pac dovranno attivare la diversificazione colturale, cioè seminare più di una coltura per riuscire a intercettare il premio greening (clicca qui per saperne di più sul greening). È chiaro che per fare questa scelta, oltre a fare considerazioni agronomiche, l’agricoltore dea tenere d’occhio l’andamento dei prezzi di mercato che, rispetto a quelli di un anno fa, sono decisamente in picchiata sia per i frumenti tenero e duro, sia per le colture primaverili come mais, soia, sorgo e girasole. Per il mais siamo a 155 euro/tonnellata, per la soia 320 euro/tonnellata, per il sorgo a 148 euro/tonnellata per il girasole a 250 euro/tonnellata.

Con questi prezzi di mercato, vediamo ora il costo di coltivazione per ciascuna coltura:

Mais

Lavorazioni terreno
260 euro/ha

Concimazione
420 euro/ha

Seme e semina
270 euro/ha

Agrofarmaci
280 euro/ha

Irrigazione
320 euro/ha

Raccolta, trasporto, essiccazione
500 euro/ha

Spesa totale
2050 euro/ha

Produzione
130 ql/ha x 15,5 euro/ql

Ricavo totale
2015 euro/ha

REDDITO LORDO
35 euro/ha
Mais

Mais

Soia primo raccolto

Lavorazioni terreno
260 euro/ha

Concimazione
185 euro/ha

Seme e semina
215 euro/ha

Agrofarmaci
150 euro/ha

Irrigazione
170 euro/ha

Raccolta e trasporto
180 euro/ha

Spesa totale 
 1160 euro/ha 

Produzione 
 45 ql/ha x 32 euro/ql 

Ricavo totale 
 1440 euro/ha 

REDDITO LORDO 
 280 euro/ha 
Soia su sodo

Soia su sodo

Sorgo

Lavorazioni terreno
240 euro/ha

Concimazione
220 euro/ha

Seme e semina
140 euro/ha

Agrofarmaci
100 euro/ha

Irrigazione
320 euro/ha

Raccolta e trasporto
200 euro/ha

Spesa totale 
 900 euro/ha 

Produzione 
 65 ql/ha x 15,3 euro/ql 

Ricavo totale 
 995 euro/ha 

REDDITO LORDO 
 95 euro/ha 
Sorgo

Sorgo

Girasole

Lavorazioni terreno
180 euro/ha

Concimazione
220 euro/ha

Seme e semina
140 euro/ha

Agrofarmaci
80 euro/ha

Irrigazione
320 euro/ha

Raccolta e trasporto
170 euro/ha

Spesa totale 
 790 euro/ha 

Produzione 
 25 ql/ha x 25,5 euro/ql 

Ricavo totale 
 637 euro/ha 

REDDITO LORDO 
 153 euro/ha 
Girasole

Girasole

Riepilogando…

Come si vede dai conti, ai prezzi dell’autunno 2014:

  • Il mais perde 35 euro/ha, pur con una produzione di 130 ql/ha di granella secca.
  • La soia ha un reddito lordo positivo di 280 euro/ha, se si raggiungono i 45 ql/ha di resa.
  • Il sorgo fa guadagnare 95 euro/ha con una produzione di 65 ql/ha.
  • Il girasole perde 153 euro/ha con una resa di 25 ql/ha.

Conclusioni operative

Da questa sommaria ma indicativa analisi economica che cosa se ne deduce? Che non si può più coltivare mais e girasole?

Niente di tutto questo, anzi, mais e girasole rimangono due pilastri fondamentali nella rotazione del Nord e del Centro Italia. Con la volatilità attuale dei prezzi di mercato occorre solo spingere ancora di più sui mezzi tecnici e le tecnologie per recuperare quel potenziale produttivo che le colture hanno nel loro patrimonio genetico e che possono tirare fuori solo se l’agricoltore ne è capace. Come? Facendo tutto al meglio, a cominciare dalla scelta della varietà o dell’ibrido da seminare in base ai propri terreni, alla preparazione dei suoli, ai piani mirati di concimazione, di diserbo e di difesa.

Guai ad abbassare la guardia, perché il prezzo di mercato è basso. Non c’è peggiore scelta di questa! La migliore agrotecnica possibile ripaga sempre, anche in tempi di vacche magre.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
girasolemaissoiasorgo

Related Articles

Il girasole, una pianta da rinnovo: consigli per la coltivazione

Il girasole ha una buona adattabilità ai diversi terreni e fasce climatiche, non ha eccessive esigenze in termini di nutrizione

Come scegliere le migliori cover crops, piante che aumentano la fertilità del suolo

Condifesa Lombardia Nord-Est, in collaborazione con Padana Sementi Elette, anche quest’anno ha realizzato nelle aziende agricole Fratelli Motti e Lussignoli,

Graminacee, leguminose e crucifere: i miscugli “da corsa” per cover crops e terreni Efa

Completiamo la nostra rassegna delle specie interessanti per una copertura permanente del suolo, per la produzione di foraggio e per

6 comments

Write a comment
  1. Carlo77
    Carlo77 8 Luglio, 2016, 11:30

    Volendo seminare girasole su sodo in secondo raccolto dopo foraggio e farlo al sud in terreni senza irrigazione secondo lei è possibile? Si riescono a fare circa 1 tonnellate x ettaro….

    Reply this comment
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Author 12 Luglio, 2016, 07:17

      Il girasole su sodo è possibile, a patto che il terreno abbia un po’ di umidità per far germinare il seme. La produzione però si aggira di solito sulla metà di quello che lei ipotizza.

      Reply this comment
  2. narcisio
    narcisio 16 Settembre, 2016, 18:55

    spetta. Nuovo Agricoltore
    la prima volta che mi trovo su questo sito,devo dire ottimo,
    saluti Trifoglio Narcisio

    Reply this comment
  3. Matteo
    Matteo 25 Giugno, 2018, 18:59

    Quanti ettari a mais devo seminare per vivere solo di questo lavoro? Il terreno è abbastanza duro

    Reply this comment
    • stefano
      stefano 12 Ottobre, 2020, 17:56

      non sono un tecnico io ho solo letto i dati , io ti risponderei dipende dalla tua azienda com’è strutturata , diciamo che se sei basico e non hai macchinari ,ti conviene fare un bel prato e metterci le capre perchè ci perdi 35 euro l’anno , mentre se sei attrezzato il mais ha i ricavi totali più alti quindi profitto maggiore, però devi arare, fresare, seminare, diserbare, concimare, irrigare, trebbiare essiccare e trasportare, togli il seme l’urea e il gasolio ti resteranno 1500 euro ad ettaro , ma devi avere un trattore da 400kw vomere fresa trebbia essiccatore botte per il diserbo, poi trovarti vicino ad una fonte d’acqua avere tubi getti vari più o meno 200.000 di macchinari totali e avrai 1500 euro a ettaro senza togliere l’ammortamento costo macchinai …vedi tu ma a me le caprette stanno molto più simpatiche ….auguri

      Reply this comment
      • Stefano
        Stefano 12 Ottobre, 2020, 18:23

        Se vuoi coltivare mais come materia prima in italia è meglio che lasci perdere forse con 200 ettari riesci a darci il giro tra spese tra macchinari da sostituire praticamente 10 milioni di euro di investimento tra macchinari terreno da solo e sputare sangue dalla mattina alla sera e notti sulla terra….ti conviene fare un agricoltura turistica mettere le capre gli asinelli le anatre e fare un bed breakfast con formaggi buon vino salumi spendere 10.000 euro in pubblicità e lavori e ci guadagni molto di più con 1 milione di euro farla grande fai tutto e alla fine ti fai 100.000 alla anno senza tutto quel calvario, qui serve un agricoltura intelligente , l’agricoltura degli anni 50 fino a gli anni 90 in italia è morta

        Reply this comment

Write a Comment