Campagna finanziaria Young 140

Mais zootecnico, il biocontrollo dell’Aspergillus con il suo nemico naturale

Mais zootecnico, il biocontrollo dell’Aspergillus con il suo nemico naturale

Le aflatossine del mais – ma solo per quello da granella, pastone e insilato destinato all’uso zootecnico – possono essere combattute con un metodo “biologico” e naturale: il prodotto si chiama AF-X1 ed è commercializzato da Pioneer. Si tratta di spore di Aspergillus flavus selezionate per la loro incapacità di produrre le tossine e che possono competere nelle condizioni ambientali italiane con i ceppi tossigeni, eliminandone la pericolosità.

La lotta biologica tra buoni e cattivi

Dunque si tratta di una lotta tra due Aspergillus, dove quello buono batte sempre quello cattivo. Le spore dell’Aspergillus non tossigeno vengono veicolate da semi di sorgo devitalizzati, cioè incapaci di germinare, che fungono da substrato di crescita.

Dose ed epoca di distribuzione in campo

La distribuzione di AF-X1 al dosaggio di 25 kg/ha, corrispondenti a due dosi ad ettaro, va effettuata con lo spandiconcime oppure equipaggiando la sarchiatrice con un distributore di prodotto granulare a regolazione continua. Il periodo ideale per la distribuzione di AF-X1 corrisponde alla fase fenologica di 5 foglie vere. Si può intervenire anche più tardivamente, ma comunque almeno 15 giorni prima della fioritura.

Indice molto elevato di efficacia

Le esperienze degli agricoltori che hanno provato il prodotto indicano che la riduzione di contaminazione rispetto alle porzioni di campo non trattate arrivano al 90% e in certi casi anche al 95%.

Il trattamento con AF-X1 deve essere segnalato sulla bolla di conferimento della granella all’essiccatoio, in modo da poter garantire la tracciabilità dell’uso zootecnico e quindi consentirne la separazione dalle partite non trattate.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
maisPioneer genetica

Articoli correlati

Concimazione: non dimentichiamoci del fosforo, elemento essenziale per la produttività delle colture

In tempi difficili, con i prezzi dei cereali e anche di altre colture estensive in calo, l’agricoltore tende per natura

Frumento di qualità: come difendere foglia e spiga dagli attacchi fungini

Le avversità chiave del frumento, oltre alle erbe infestanti (di cui abbiamo parlato in un precedente articolo), sono la Septoria,

L’orzo ibrido va concimato presto, all’uscita dall’inverno. Ma con quali concimi?

L’orzo ibrido dimostra elevate potenzialità produttive e quindi sta interessando sempre di più quella parte di agricoltori che vuole, giustamente,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*