Mentre l’agricoltore si lamenta, i fondi d’investimento puntano sulla terra

Mentre l’agricoltore si lamenta, i fondi d’investimento puntano sulla terra

Mentre le stalle chiudono e gli agricoltori continuano a lamentare perdite secche, la nostra finanza a caccia di asset sottovalutati riparte proprio dall’agricoltura, scommettendo a ragione sul suo grande potenziale in parte inespresso, prigioniero delle piccolissime realtà familiari che caratterizzano il nostro tessuto agricolo.

Idea Agro è un fondo messo a punto dalla Dea Capital della famiglia De Agostini, che ha raccolto da diversi investitori circa 80 milioni di euro destinati all’acquisto di aziende agricole. Il progetto prevede di puntare su percorsi agronomici sostenibili, dando finalmente efficienza gestionale ed economica a realtà agricole legate a sistemi sorpassati, per puntare alla commercializzazione di prodotti agricoli di alta qualità made in Italy.

Probabilmente è proprio questa l’unica strada che può dare un futuro alla nostra agricoltura: ma la redditività si ottiene con un cambio radicale di mentalità che il nostro agricoltore non concepisce. Allora ci vogliono manager capaci che, conti alla mano, traccino un piano operativo sfruttando tutto ciò che le nuove tecnologie di digitalizzazione consentono, per centrare gli obiettivi commerciali e di marketing.

D’altronde che cosa hanno fatto alle Bonifiche Ferraresi, 6.500 ettari rivoluzionati dalle tecnologie, che coprono tutta la filiera dalla terra alla tavola con il marchio Le Stagioni d’Italia? Nel capitale di Bonifiche Ferraresi ci sono la Fondazione Cariplo e alcune grandi famiglie che investono sulla terra (non certo per perdere i loro soldi!) come Gavio, De Benedetti, Dompè, Cremonini. Sì, direte voi, ma loro hanno capitali a volontà! Certo, ma sanno anche come gestire in maniera professionale la terra e farla rendere.

Barilla e Ferrero, invece, puntano sui contratti di coltivazione per ottenere sempre più grano e nocciole made in Italy e limitare le importazioni.

Agricoltori che ancora arate il terreno e investite solo in trattori, avete capito cosa si muove alle vostre spalle? La terra rende, se si sa farla rendere! Chi non se la sente, sfrutti l’occasione per passare la mano.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricolturaIdea Agro

Articoli correlati

Anomalie Pac: altre due assurde testimonianze di agricoltori

La scorsa settimana abbiamo raccontato la tremenda storia di un allevatore che, dopo cinque anni e decine di telefonate, non

Risparmio energetico e ristrutturazioni in edifici rurali: i benefici fiscali scadono il 31 dicembre 2015

La legge di stabilità ha prorogato solo fino al 31 dicembre 2015 i benefici fiscali sinora previsti per gli interventi

Pac 2018: tutte le novità in vigore dal 1° gennaio approvate dall’UE

Sono sempre possibili ripensamenti e colpi di mano, ma per il momento il cosiddetto regolamento Omnibus per la Politica agricola

1 commento

Scrivi un commento
  1. PaulM
    PaulM 3 Ago, 2018, 11:49

    Buongiorno professore, lei ha perfettamente ragione in quanto la mentalità dei piccoli agricoltori purtroppo non si è evoluta. Dalle mie parti (bassa provincia di Venezia) se si parla di minima lavorazione o strip till non sanno nanche di che cosa stai parlando. Bisogna superare questa mentalità e mettersi in testa che l’unica direzione da prendere per aumentare la redditività è quella dell’innovazione tecnologica e della minima lavorazione.

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*