Offerte macchine Kverneland

Nuova Pac: se si affitta il terreno, a chi vanno i diritti di aiuto?

Nuova Pac: se si affitta il terreno, a chi vanno i diritti di aiuto?

Il caso, assai frequente, dei titoli Pac sui terreni agricoli in affitto è regolato dall’articolo 21 del Regolamento 639/2014, il quale stabilisce che, in caso di affitto di un’azienda o di parte di essa, gli agricoltori possono, mediante un contratto di affitto firmato prima del 15 maggio 2015, trasferire insieme alla terra i corrispondenti diritti all’aiuto Pac di nuova assegnazione.

Il proprietario deve presentare la domanda di assegnazione titoli

La domanda di prima assegnazione dei nuovi titoli (entro il 15 giugno 2015) deve essere presentata dal proprietario del terreno, cioè dal locatore. La domanda deve riportare le seguenti informazioni:

  • I dettagli del contratto di affitto
  • Il numero di ettari ammissibili ceduti in affitto
  • Le generalità dell’agricoltore al quale si dà la terra in affitto

I nuovi diritti passano all’affittuario

Al proprietario o locatore vengono assegnati i nuovi diritti all’aiuto, che poi immediatamente vengono trasferiti all’affittuario per tutta la durata del contratto di affitto. Al termine del quale, i titoli tornano a disponibilità del proprietario locatore del terreno.

Attenzione: scrivere bene la clausola

La volontà a trasferire in affitto sia il terreno sia i corrispondenti “diritti o titoli da ricevere” (attenzione: bisogna scrivere proprio così) va prevista espressamente come clausola nel contratto da affitto.

Per la durata del contratto sarà dunque il locatario, cioè l’affittuario che beneficerà dei pagamenti diretti che ha ricevuto in affitto con la terra, mentre al locatore o proprietario rimarrà solo l’assegnazione.

La qualifica di agricoltore attivo deve esserci da entrambe le parti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
affitto terreni agricolinuova Pac

Articoli correlati

Ritardo anticipo Pac, continua il mistero: ora si parla di ”mancanza di fondi”

Forse nemmeno la discesa in massa, per una manifestazione pacifica, degli agricoltori italiani al Foro Italico di Roma avrebbe l’effetto

Le fasce tampone rimangono un obbligo

Per poter beneficiare dei nuovi pagamenti diretti previsti dalla Pac 2015-2020 occorre continuare a rispettare gli obblighi della condizionalità che

La Pac si incassa anche se non si coltiva. A patto che si rispettino alcune norme operative

Secondo la nuova Pac, un terreno a riposo (definito “set aside” o “maggese”) anche per più anni è una superficie

5 commenti

Scrivi un commento
  1. Raffh
    Raffh 16 febbraio, 2016, 13:53

    Salve , vorrei sapere se è possibile dare in affitto un terreno, e comunque trattenere i relativi diritti o titoli da ricevere. Grazie in anticipo

    Rispondi a questo commento
    • Giuseppe D'Addario
      Giuseppe D'Addario 17 febbraio, 2016, 20:18

      Lei può tranquillamente dare in affitto solo i terreni e trattenere per sé i titoli PAC a patto che questi ultimi, entro 2 anni consecutivi, siano abbinati ad altri ettari ammissibili, altrimenti andranno persi per confluire nella riserva; inoltre, nel caso si possedessero più titoli rispetto agli ettari ammissibili, non sarà più possibile ricorrere alla “rotazione” per non perdere quelli in esubero.
      Distinti saluti.
      Dott. Giuseppe D’Addario

      Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 18 febbraio, 2016, 09:41

      La Pac parla chiaro: i titoli spettano a chi coltiva la terra, ma purtroppo in Italia ci sono casi in cui il proprietario si tiene i titoli Pac. A mio parere non è una prassi da seguire.

      Rispondi a questo commento
  2. Giuseppe D'Addario
    Giuseppe D'Addario 18 febbraio, 2016, 10:37

    Egregio dott. Bartolini, volevo innanzitutto complimentarmi con lei per questo canale di divulgazione agricola che seguo con molto piacere; mentre riguardo a questa sua ultima affermazione non mi trovo d’accordo in quanto chi decide a chi spettano i titoli non è né lei né il sottoscritto, ma solo e soltanto AGEA; detto ciò se il sig. Raffh ha terreni con titoli della nuova PAC, significa che è agricoltore attivo e che quindi ha tutto il sacrosanto diritto di fare quello che ritiene più opportuno al fine di migliorare o quantomeno stabilizzare il suo reddito; poi lei dice che non è una prassi da seguire, ma se il sign. Raffh volesse affittare dei terreni e nello stesso tempo acquistarne altri? Io da tecnico gli consiglierei di mantenere i titoli e credo anche lei farebbe lo stesso.
    Distinti saluti.
    Dott. Giuseppe D’Addario

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 22 febbraio, 2016, 09:26

      Caro dott. D’Addario, grazie per i suoi complimenti che mi fanno molto piacere. Per quanto riguarda la Pac, un agricoltore non è in effetti obbligato ad affittare anche i suoi titoli, ma se non coltiva altra terra pari ai titoli che ha, che se ne fa? Dopo due anni perde tutti i diritti Pac.
      Oggi in Italia c’è una grande confusione su questo aspetto e tanti non affittano i titoli pensando di far bene, ma poi non li utilizzano su altra terra e non sanno cosa gli capiterà nel futuro prossimo.
      Un caro saluto.

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*