Pac, cosa deve fare l’agricoltore se Agea ricalcola i titoli ma non eroga i soldi dovuti

Pac, cosa deve fare l’agricoltore se Agea ricalcola i titoli ma non eroga i soldi dovuti

Sono tanti, purtroppo, i casi di agricoltori che ci scrivono su come comportarsi di fronte alle inefficienze di Agea in merito al mancato pagamento dei contributi Pac.

Un caso frequente riguarda il ricalcolo dei titoli Pac da parte di Agea e del Caa locale. Una volta stabilito che il ricalcolo è fatto, l’agricoltore aspetta di ricevere i soldi della differenza a lui dovuta. Ma i soldi, anche dopo anni, non arrivano.

Che fare in questo caso? Facciamo rispondere all’agronomo Angelo Frascarelli, massimo esperto italiano di Pac.

«L’agricoltore può e deve fare tre cose», dice Frascarelli. «Primo: deve inviare una lettera ad Agea tramite la sua Pec in cui chiede chiarimenti della situazione. Agea ha l’obbligo di rispondere entro 30 giorni dall’istanza. Secondo: l’agricoltore può recarsi fisicamente ad Agea (presso l’Urp a Roma, in via Palestro 81), dove può spiegare la sua situazione e avere risposta in merito. Terzo: l’agricoltore può adire un’azione legale nei confronti di Agea per ottenere il rispetto dei propri diritti».

«Sappiamo che le tre fasi sono spesso infruttuose – conlcude Frascarelli – dato l’immobilismo e l’irresponsabilità di Agea che in tanti casi non è in grado di rispondere. Tuttavia l’agricoltore deve attivarsi ugualmente e seguire le tre fasi indicate».


Tag assegnati a questo articolo:
AgeaAngelo Frascarellipagamenti pac

Articoli correlati

I piccoli agricoltori devono diventare dei piranha per avere un futuro

Il piranha è un predatore e per essere tale deve essere un lavoratore coraggioso, attento e veloce. Proprio come dovrebbe

Saldo pagamenti Pac 2015: Agea può aspettare fino al 15 ottobre 2016

Continuano le giuste lamentele degli agricoltori che non hanno ancora ricevuto il saldo della Pac 2015, ma la Commissione Ue

PSR, come utilizzare la Misura 16 per investire sull’innovazione agricola con gli aiuti europei

L’Unione europea, per dare un futuro all’agricoltura, mette al primo posto la conoscenza e l’innovazione, due fattori chiave per l’azienda

1 commento

Scrivi un commento
  1. Pietro Sinigaglia
    Pietro Sinigaglia 10 Settembre, 2018, 15:43

    Sarebbe il caso di aprire una discussione concreta sulla condizione dell’AGEA nel panorama dei pagamenti delle risorse destinate agli agricoltori.
    Inoltre sarebbe il momento di capire e contestare, con forza, anche senza il consenso e l’intervento delle ultra burocratiche Associazioni di Categoria, la modalità di accertamento delle consistenze reali dei fondi agricoli con quelli dichiarati dagli agricoltori sui propri fascicoli aziendali, che oggi sono affidate all’interpretazione di immagini satellitari, il cosidetto sistema fisionomico, che sta creando enormi ritardi e danni agli agricoltori.

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*