Pac, i pagamenti accoppiati 2018 arrivano entro il 30 giugno: ecco gli importi

Pac, i pagamenti accoppiati 2018 arrivano entro il 30 giugno: ecco gli importi

Agea, con la circolare n. 49652, ha comunicato gli importi definitivi dei pagamenti dell’articolo 52, che saranno erogati agli agricoltori entro il 30 giugno prossimo.

Frumento duro

È riservato agli agricoltori delle regioni Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Il pagamento accoppiato è pari a 75,67 euro/ha.

Soia

Gli agricoltori di Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia ed Emilia-Romagna percepiranno 66,39 euro/ha nei seguenti limiti:

  • L’intera superficie per i primi 5 ettari.
  • Per la superficie eccedente i 5 ettari il premio andrà sul 10% della superficie.

L’aiuto è concesso, per superfici oltre i 5 ha, sino a un numero massimo di ettari a soia pari al 10% della superficie aziendale. Per esempio, in un’azienda con superficie a soia di 20 ha, la superficie massima ammissibile al premio è pari a 6,5 ha.

Proteaginose

Le colture ammesse sono girasole, colza, leguminose da granella come pisello, fava, favino, favetta, lupino, fagiolo, cece, lenticchia e vecce, erbai annuali di sole leguminose. L’aiuto vale per Toscana, Umbria, Marche e Lazio ed è pari a 49,48 euro/ha.

Leguminose da granella

Le colture ammesse al premio sono pisello, fava, favino, favetta, lupino, fagiolo, cece, lenticchia, vecce ed erbari annuali di sole leguminose. Le regioni alle quali è riservato il premio sono Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Il premio è pari a 24,83 euro/ha.

Barbabietola da zucchero

Il pagamento erogato per le superfici 2018 è elevato e pari a 486,90 euro/ha.

Riso

Il pagamento erogato è pari a 101,71 euro/ha.

Pomodoro da industria

Il pagamento erogato è pari a 189,21 euro/ha.

Olivo

Gli impianti dislocati in Puglia, Calabria e Liguria ricevono un premio di base accoppiato pari a 89,20 euro/ha. In aggiunta a questo, gli oliveti di Puglia e Calabria ricevono un premio aggiuntivo pari a 112,29 euro/ha.

Il premio per “olivicoltura di rilevanza economica, sociale territoriale e ambientale”, a differenza degli altri anni, vale per tutto il territorio nazionale e si rivolge a oliveti che aderiscono ai sistemi di qualità Dop e Igp. Il pagamento erogato è pari a 128,17 euro/ha, che si somma al premio di base (per Liguria, Puglia e Calabria) e al pagamento aggiuntivo (per Puglia e Calabria).

Latte bovino

Il premio è destinato ad allevamenti di qualità ed è pari a 78,11 euro/capo, che si eleva a 146,99 euro/capo per le zone montane.

Bufale

È riconosciuto per bufale con età superiore a 30 mesi che abbiano partorito nel corso dell’anno 2018. Il premio è pari a 44,24 euro/capo.

Vacche nutrici

Tre tipologie di pagamento:

  • Per le vacche nutrici iscritte ai libri genealogici o ai registri anagrafici: 124,66 euro/capo.
  • Per le vacche nutrici inserite nei piani selettivi e gestione di razza, si somma al pagamento di base quello specifico, pari a 148,12 euro/capo.
  • Per le vacche nutrici non iscritte: 80,58 euro/capo.

Bovini macellati

Il premio viene riconosciuto a bovini da carne di età compresa tra 12 e 24 mesi al momento della macellazione, che siano stati in allevamento per non meno di 6 mesi. L’importo è pari a 42,35 euro/capo.

Ai capi che presentano i seguenti requisiti viene erogato un premio superiore, pari a 60,16 euro/capo:

  • capi allevati per almeno 12 mesi nell’allevamento del richiedente;
  • capi aderenti al sistema di qualità;
  • capi rientranti in un sistema di etichettatura;
  • capi certificati come Dop e Igp

Ovini

L’aiuto viene assegnato alle agnelle da rimonta dei greggi che fanno parte dei piano regionali di selezione per la resistenza alle scrapie. L’importo è pari a 25,94 euro/capo. Viene destinato un premio speciale pari a 5,38 euro/capo agli allevatori i cui capi ovini e caprini macellati sono certificati come Dop e Igp.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
pac 2018pagamenti pac

Related Articles

Aperto il bando Inail “Isi Agricoltura 2017” con un budget di 45 milioni di euro per l’innovazione

In un precedente articolo avevamo anticipato il varo del nuovo bando Isi 2017 dell’Inail, che finanzia gli investimenti in macchine

Rifinanziata la “nuova Sabatini” per tutto il 2016: una boccata d’ossigeno per chi vuole investire

Nel momento in cui tutti si sono convinti che senza l’innovazione la produttività in agricoltura non potrà mai migliorare, e

Lombardia, aperto nuovo fondo per finanziare i contoterzisti

Si chiama “AL VIA“, che vuol dire “Agevolazioni Lombarde per la Valorizzazione degli Investimenti Aziendali”, ed è un nuovo fondo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment