Dekalb Italia

Piogge e ritorni di freddo possono favorire la septoriosi del frumento: ecco come evitarla

Piogge e ritorni di freddo possono favorire la septoriosi del frumento: ecco come evitarla

Le piogge sono arrivate copiose e anche il freddo è tornato in molte aree agricole italiane, quindi è bene preoccuparsi degli attacchi fungini in agguato sul frumento. Un pericolo potenziale arriva in particolare dalla septoriosi, che attacca varietà sensibili e a taglia bassa con abbondante fogliame.

Se compaiono i primi sintomi sulle foglie, è bene effettuare un intervento in concomitanza dello stadio “foglia a bandiera” con strobilurine. Queste, per esempio, sono tre possibili alternative (con dosaggi in litri o kg):

  • Trifloxystrobin 17,2 + Ciproconzaolo 7,3 a 0,3-0,5/ha
  • Azoxystrobin 18,2 + Ciproconazolo 7,3 a 0,6-1/ha
  • Azoxystrobin 11,03 + Tebuconazolo 18,4 a 1-1,25 /ha

Se i periodi piovosi persistono, è bene mettersi al riparo dalla fusariosi della spiga con trattamenti a partire dall’inizio fioritura con fungicidi azolici. Per esempio (con dosaggi in litri o kg/ha):

  • Tebuconazolo 12,3+ Procloraz 24,6 a 1/ha
  • Protioconazolo 12,7+ Teuconazolo 12,7 a 1/ha
  • Difenoconazolo 9,93+ Tebuconazolo 18,4 a 1/ha

Il doppio trattamento in moltissime circostanze di andamenti climatici avversi ha garantito una buona protezione della coltura, assicurando rese e qualità elevate.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
frumentoseptoriosi

Articoli correlati

All’Italia serve più mais di alta qualità. Ecco come far recuperare efficienza al sistema

I numeri parlano chiaro: negli ultimi vent’anni l’aumento di produttività del mais in Italia è molto inferiore rispetto per esempio a

Gestione sostenibile degli agrofarmaci: le nuove regole europee

Difesa integrata obbligatoria, formazione per gli agricoltori, utilizzatori e controllo periodico funzionale delle irroratrici: sono solo le principali norme introdotte

Dalla variabilità del suolo e delle produzioni al piano di concimazione a dosi variabili

Quando si dice che si è prodotto, per esempio su 30 ettari, 110 ql/ha di granella di mais non si fa

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*