Offerta Botte Kverneland

Pag Kverneland, mais alla quinta foglia: non c’è differenza tra arato, minima e strip-till

Pag Kverneland, mais alla quinta foglia: non c’è differenza tra arato, minima e strip-till

Se il buongiorno si vede dal mattino, come si dice, ancora una volta si conferma la validità tecnica delle minime lavorazioni confrontate con l’aratura tanto “amata” da ancora molti agricoltori.

Nel PAG (Progetto Agronomico Globale) realizzato per il secondo anno da Kverneland Group Italia e Dekalb presso l’azienda Cavazzini di Acquafredda (Brescia), il mais alla quinta foglia si presenta infatti in ottimo stato in tutti e tre i parcelloni realizzati, dove sono stati messi a confronto la minima lavorazione effettuata con Kverneland CLC, lo strip-till realizzato con il Kverneland Kultistrip e la lavorazione tradizionale con aratura ed erpicature.

Il Kultistrip di Kverneland al lavoro nell’azienda Cavazzini.

L’ibrido seminato è il DKC 6728 di Dekalb-Monsanto alla densità di 8 piante al mq. Al trattamento con Roundup è seguito un diserbo di post emergenza. La precessione colturale era mais.

Su questo PAG verrà applicato da Dekalb il sistema di gestione satellitare dell’irrigazione Aquatek e alla raccolta saranno realizzate come lo scorso anno le mappe di produzione.

In un appezzamento a fianco del PAG è stata realizzata una prova di semina a densità variabile da 9 a 11 piante /mq dell’ibrido DKC 6664 sulla base dei riscontri delle mappe del suolo realizzate da AgriSoing.

Il mais alla quinta foglia sul terreno arato ed erpicato.

Il mais alla quinta foglia sul terreno a strip-till.

Come si nota, sullo strip-till sono rimasti in superficie sia le malerbe disseccate sia gli stocchi dell’anno 2016, che verranno degradate pian piano dalla fauna terricola.

Il mais sul terreno a minima preparato con un solo passaggio di CLC. Nonostante la zollosità, come si vede il mais è nato perfettamente.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Agricoltura: con il traffico controllato si riduce il compattamento, aumenta la portanza del suolo e non si perdono quintali

Il terreno è il bene più prezioso che ha l’agricoltore, quindi è bene non solo preservarlo, ma anche aumentarne la

Dalla sostanza organica dipendono la fertilità del suolo e la produttività delle colture: ecco perché

Ogni tanto sarebbe opportuno che i nostri agricoltori, ma anche i contoterzisti, facessero un rapido ripasso di alcune basi agronomiche

Il concessionario 3.0 è motore fondamentale per portare l’innovazione in campo

L’industria della meccanizzazione sta sfornando attrezzature innovative sempre più sofisticate, ma anche sempre più utili per l’agricoltore che vuole rimanere

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*