Prorogata la domanda unica Pac: c’è tempo fino al 17 giugno

Prorogata la domanda unica Pac: c’è tempo fino al 17 giugno

Lo scorso 15 maggio il ministro per le politiche agricole Gian Marco Centinaio ha firmato il decreto n. 5321 che fissa le nuove date per la domanda Pac e Agea ha subito emanato la circolare n. 43639, disponibile sul sito dell’agenzia cliccando qui.

La scadenza per la presentazione della domanda unica 2019 e delle domande dei pagamenti a superficie dei PSR è stata prorogata dal 15 maggio 2019 al 17 giugno 2019.

Si può andare anche fino al 12 luglio, ma con penalità

La domanda Pac può essere presentata anche fino al 12 luglio 2019, ma con le decurtazioni previste dal regolamento comunitario. Le penalità previste per la presentazione in ritardo si applicano anche alla presentazione oltre i termini dei documenti giustificativi (fatture, sementi, cartellini varietali, eccetera), contratti o dichiarazioni che siano determinanti ai fini dell’ammissibilità dell’aiuto richiesto e vengono inoltrati dopo la scadenza prevista per la presentazione delle domande.

Le domande Pac trasmesse dopo la data del 12 luglio 2019 sono invece irricevibili.

La proroga sopraindicata riguarda solo la presentazione della domanda, perché la detenzione delle superfici ammissibili per l’aiuto da parte dell’agricoltore rimane fissata alla data del 15 maggio 2019.

Infine, le comunicazioni ai sensi dell’art. 8 del Reg. (UE) n. 809/2014 (cessione aziende) devono essere presentate non oltre il 10 giugno 2020.

Atti di trasferimento titoli

Gli atti di trasferimenti dei titoli possono essere sottoscritti e registrati fino alla data ultima di presentazione della domanda unica 2019, anche tardiva a norma dell’art. 13 del Reg. (UE) n. 640/2014, tenendo presente che, in ogni caso, la presentazione della domanda di trasferimento deve essere effettuata entro il termine improrogabile del 12 luglio 2019. Quindi gli atti di trasferimento dei titoli possono essere sottoscritti e registrati fino al 12 luglio 2019.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
pac 2019

Articoli correlati

PSRN: i nuovi fondi di mutualizzazione e gli strumenti per stabilizzare il reddito

Il nuovo Piano di Sviluppo Rurale Nazionale (che vi abbiamo presentato in questo articolo, da non confondere con i PSR!)

Aiuto di 200 euro/ha per grano duro in filiera: la tipologia del contratto e gli obblighi dell’agricoltore

Alcuni lettori ci hanno chiesto ulteriori chiarimenti sul decreto “Fondo grano duro”, che stanzia 10 milioni di euro per i

Nuova Pac: per i giovani solo poche briciole

La nuova Pac prevede un pagamento specifico per i giovani con l’obiettivo di favorire il ricambio generazionale. I beneficiari sono le

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*