Semina dei cereali vernini su sodo: come gestire al meglio il letto di semina col glifosate

Semina dei cereali vernini su sodo: come gestire al meglio il letto di semina col glifosate

La semina dei cereali vernini su terreno sodo deve prevedere una bonifica del terreno dalle infestanti con l’utilizzo del glifosate. Denis Bartolini della cooperativa Terremerse afferma che anche i formulati revocati dal decreto del Ministero della Salute del 16 agosto 2016 (vedi articolo) sono di possibile impiego da parte degli agricoltori fin quasi alla fine del mese di febbraio 2017, ma non oltre.

Necessario un primo azzeramento delle malerbe

Utilizzando dosi appropriate di glifosate in relazione al tipo e allo sviluppo delle infestanti si può procedere a un primo azzeramento di malerbe a emergenza precoce, quali il Lolium e il Bromus tra le graminacee, crucifere, ombrellifere e altre specie dicotiledoni; le parti vegetative delle colture in precessione, quale per esempio il sorgo, e le rinascite delle colture da seme come coriandolo, bietola, cavoli, colza, eccetera.

Kileo, il glifosate ideale per la semina su sodo

Va ricordato che è disponibile un formulato contenente glifosate + 2,4D che si chiama Kileo, autorizzato per il diserbo di pre-semina dei cereali, particolarmente indicato in caso di infestanti di dicotiledoni sviluppate e con ottima efficacia proprio per la semina su sodo in successione a erba medica.

Kileo ha una classificazione molto favorevole per gli utilizzatori (non occorre il patentino) e non presenta alcun rischio di fitotossicità indiretta per le colture limitrofe alle aree trattate perché non è volatile.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
cerealidiserbo cerealiglifosateKileo

Articoli correlati

I benefici delle cover crops per il suolo e le colture

La gestione sostenibile dei terreni agricoli prevede la pratica della minima lavorazione, che ha tre regole molto semplici, già illustrate

Le alternative all’aratura: minima lavorazione e semina su sodo

L’eliminazione dell’aratura comporta i seguenti vantaggi: Aumento della porosità canalicolare grazie all’attività dei microrganismi e delle radici, anche delle cover

Terreni più fertili, strutturati e sani grazie alle colture di copertura: la nuova linea Viterra

Azione antierosiva sul suolo, contrasto alla lisciviazione degli elementi nutritivi, riduzione delle malerbe, apporto di sostanza organica e nutrienti. Una

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*