Semina dei cereali vernini su sodo: come gestire al meglio il letto di semina col glifosate

Semina dei cereali vernini su sodo: come gestire al meglio il letto di semina col glifosate

La semina dei cereali vernini su terreno sodo deve prevedere una bonifica del terreno dalle infestanti con l’utilizzo del glifosate. Denis Bartolini della cooperativa Terremerse afferma che anche i formulati revocati dal decreto del Ministero della Salute del 16 agosto 2016 (vedi articolo) sono di possibile impiego da parte degli agricoltori fin quasi alla fine del mese di febbraio 2017, ma non oltre.

Necessario un primo azzeramento delle malerbe

Utilizzando dosi appropriate di glifosate in relazione al tipo e allo sviluppo delle infestanti si può procedere a un primo azzeramento di malerbe a emergenza precoce, quali il Lolium e il Bromus tra le graminacee, crucifere, ombrellifere e altre specie dicotiledoni; le parti vegetative delle colture in precessione, quale per esempio il sorgo, e le rinascite delle colture da seme come coriandolo, bietola, cavoli, colza, eccetera.

Kileo, il glifosate ideale per la semina su sodo

Va ricordato che è disponibile un formulato contenente glifosate + 2,4D che si chiama Kileo, autorizzato per il diserbo di pre-semina dei cereali, particolarmente indicato in caso di infestanti di dicotiledoni sviluppate e con ottima efficacia proprio per la semina su sodo in successione a erba medica.

Kileo ha una classificazione molto favorevole per gli utilizzatori (non occorre il patentino) e non presenta alcun rischio di fitotossicità indiretta per le colture limitrofe alle aree trattate perché non è volatile.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
cerealidiserbo cerealiglifosateKileo

Related Articles

Il grano saraceno è molto richiesto, ma in Italia ne coltiviamo appena 500 ettari

Quando si dice che la domanda spesso non incontra l’offerta, è il caso del grano saraceno. In Italia ne produciamo

La colza, seminata entro settembre, può rendere oltre 650 euro a ettaro

Gli agricoltori italiani non riescono a inserire stabilmente la colza nei loro ordinamenti colturali e questo è un peccato, perché

Frumenti, non speculiamo sul seme: quello certificato ha più garanzie dell’aziendale

L’annata no, almeno per il grano duro, può frenare il ricorso al seme certificato e conciato che, secondo alcuni agricoltori,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment