Campagna finanziaria Kverneland

Semine mais: le strategie alternative all’aratro per spendere al massimo 300 euro/ettaro

Su frumento, orzo e cereali vernini, la minima lavorazione e addirittura la semina su sodo stanno allargando il loro raggio di azione, mentre per il mais l’aratro è sempre il preferito. Per fortuna c’è chi la pensa diversamente, come Sebastiano Bongiovanni di Agrievo di Casalmaggiore (Cremona), che da anni ottiene successi crescenti e aumenta il numero di clienti che chiedono alternative sostenibili.

«Sul mais bisogna comportarsi in maniera diversa a seconda del tipo di terreno», dice Bongiovanni, iniziando dai suoli tenaci e argillosi: «L’aratro lo abbiamo messo in soffitta da molti anni. All’inizio dell’autunno passiamo con un dissodatore nelle situazioni più critiche, facendo seguire il Qualidisc di Kverneland per lasciare il terreno con una zollosità media cioè non troppo fine, e distribuiamo il potassio. In primavera seminiamo localizzando il fertilizzante biammonico con la seminatrice Kverneland Optima a 8 file trainata da un trattore di 100 cavalli per limitare il calpestamento».

Il Qualidisc di Kverneland si presta perfettamente per preparare il letto di semina sui terreni argillosi e tenaci, anche dopo un passaggio con il dissodatore.

E sui terreni più leggeri? «Qui distinguiamo due percorsi – dice Bongiovanni – a seconda che si disponga o meno di digestato. Se c’è digestato eseguiamo un passaggio con Xerion abbinato al Kverneland CLC per preparare il letto di semina direttamente sui residui dell’anno precedente e poi seminiamo con la Optima 8 file trainata. Se invece non c’è il digestato, distribuiamo il solfato di potassio, facciamo un passaggio di CLC e seminiamo».

A destra lo Xerion con CLC che distribuisce i digestati e a sinistra la seminatrice Optima a 8 file che semina il mais.

Il CLC abbinato allo Xerion per preparare letto di semina e interrare i digestati.

Ma quali sono i costi delle operazioni? Risponde Bongiovanni: «La lavorazione con interramento costa a seconda dei terreni da 150 a 200 euro/ha, semina e concimazione 65 euro/ha. Un eventuale passaggio con un preparatore come il TLC di Kverneland costa altri 60 euro/ha».

Agrievo gestisce in questo modo circa 400 ettari ogni anno e i clienti sono più che soddisfatti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
AgrievomaisSebastiano Bongiovanni

Articoli correlati

Dieci attrezzature agricole per cambiare la gestione della terra e aumentare la redditività

La Società Agrievo di Casalmaggiore (Cremona), di Giampiero Aroldi e Sebastiano Bongiovanni, negli ultimi sei anni ha investito nelle attrezzature innovative

Soia dopo grano su sodo: un successo, ma solo se la seminatrice è giusta

Seminare soia di secondo raccolto su sodo è l’interpretazione perfetta di quello che vuole la nuova Pac dagli agricoltori, e

Mais da trinciato: 70 quintali in più all’ettaro sulla minima lavorazione rispetto all’aratura

600 quintali contro 530 quintali all’ettaro: nel PAG (Progetto Agronomico Globale) allestito nell’azienda di Alessandro Rossi a Castiglione delle Stiviere (Mantova),

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*