Agricoltura, a chi spettano i 6 mesi di esonero contributivo e cosa succede a chi ha già pagato

Agricoltura, a chi spettano i 6 mesi di esonero contributivo e cosa succede a chi ha già pagato

426 milioni di euro previsti dal “decreto rilancio” sono stati destinati ai principali settori agroalimentari per un esonero straordinario dai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali a carico dei datori di lavoro per il periodo 1° gennaio 2020 – 30 giugno 2020. Sono interessate dal provvedimento le filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche e vitivinicole; nonché l’allevamento, la pesca e l’acquacoltura. Desta sconcerto il fatto che non sia previsto nel decreto il comparto frutticolo.

Cosa succede per chi ha già pagato

Poiché il comunicato del ministero è giunto il 14 settembre e la data di scadenza per i versamenti del primo trimestre era il 16 settembre, ci saranno molti imprenditori che avevano già versato i contributi. Cosa prevede il decreto ministeriale in questo caso?

L’articolo 3 del decreto firmato dal ministro Bellanova prevede la possibilità, per coloro che hanno già eseguito i versamenti oggetti dell’esonero (riferiti cioè ai periodi retributivi dal 1° gennaio al 30 giugno 2020), di compensare con la contribuzione in futuro dovuta dal datore di lavoro. In sostanza i versamenti già effettuati, in base a quanto riporta il decreto, non sarebbero perduti: le somme già versate e che potevano non esserlo in virtù dell’esonero straordinario, possono essere utilizzate in compensazione con le somme che dovranno essere versate con riferimento alla contribuzione dei periodi non coperti dall’esonero, ovvero nei versamenti del 16/03/2021 e il 16/06/2021.

Dunque non si può ottenere il rimborso di quanto versato, ma i versamenti dovrebbero generare un credito da utilizzare a copertura della contribuzione dovuta in futuro. In ogni caso dobbiamo aspettare il pronunciamento definitivo dell’Inps con apposita circolare, in uscita forse tra quindici giorni.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
agricoltura

Related Articles

Grano duro: patto agricoltori-industriali per aumentare la produzione di qualità con i contratti

La nostra produzione interna di grano duro (in media di 4 milioni di tonnellate annue) è sufficiente a coprire solo

La rivoluzione digitale deve arrivare in campagna, o addio alla redditività

Abbiamo l’impressione che per la maggior parte degli agricoltori non sia importante guadagnare. Leggendo questa considerazione sobbalzerete sulla sedia, ma vi

Vicon mostra in campo i suoi gioielli a Nova Fienagione

Nova Fienagione, la manifestazione in campo organizzata da Edagricole-Tecniche Nuove il 16 maggio 2018 presso gli appezzamenti della Cooperativa Bonlatte

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment