La nuova Pac entra in vigore dal 2023: ci saranno due anni di regime transitorio

La nuova Pac entra in vigore dal 2023: ci saranno due anni di regime transitorio

Gli eurodeputati hanno deciso: la nuova Pac entrerà in vigore solo dal 1° gennaio 2023, quindi avremo due anni di regime transitorio.

Cosa comporta questo per gli agricoltori? Innanzitutto viene confermato l’attuale regime dei pagamenti anche per la domanda Pac del 2021 e del 2022. Gli Stati membri possono utilizzare il meccanismo della convergenza per questi due anni allo scopo di avvicinare i titoli al valore medio nazionale di 271,64 euro. Quindi ci saranno ancora modifiche nel valore dei titoli sino al 2022.

Per quanto riguarda i Piani di sviluppo rurale, le misure attuali saranno valide per il 2021 e per il 2022, quindi saranno emanati nuovi bandi e nuovi impegni con la possibilità di vincoli anche per un periodo più breve di 1-3 anni, anziché i 5 o 6 anni attuali. I Psr possono prevedere anche una proroga annuale degli impegni assunti dagli agricoltori dopo la scadenza del periodo iniziale, a decorrere dal 2021. Vengono prorogati anche gli attuali programmi operativi nel settore olivicolo, ortofrutticolo e il regime di aiuto per il settore vitivinicolo.

Dunque è opportuno che i nostri agricoltori utilizzino questi altri due anni di “vecchia Pac” sia per utilizzare le risorse ancora a disposizione dei Psr (in particolare per quanto riguarda la misura 10 “Agroambiente”, che comprende sostegni per minima lavorazione, sodo e cover crops), sia per avviare quegli aggiustamenti gestionali e agronomici che saranno indispensabili per poter affrontare con serenità gli impegni che verranno richiesti dalla Pac 2023-2027.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
nuova PacPac 2023-2027

Related Articles

Nel piano di rilancio dell’Italia non si parla di agricoltura: lo dice anche Rizzo su Repubblica

Almeno uno, tra le firme autorevoli del giornalismo italiano, c’è che deplora insieme a noi il totale disinteresse del mondo

L’ultimo paradosso del Ministero dell’agricoltura, che affida ai privati le trattative con Bruxelles

La notizia è uscita su Italia Oggi ed è una di quelle che ci fa sobbalzare sulla sedia. Se andate sul

Le certificazioni di sostenibilità del processo produttivo che aiutano l’agricoltore a vendere meglio

In un mercato che punta alla qualità, alla sanità e alla salubrità, conta sempre di più dimostrare, carte alla mano,

1 comment

Write a comment
  1. Chicco Curreli
    Chicco Curreli 10 Agosto, 2020, 12:03

    Si, tutto a posto… Ma questa proroga, che dovrebbe riguardare anche le misure strutturali (4.1, 4.2, PIF etc.), prende in considerazione la pubblicazione di nuovi bandi con le risorse ancora disponibili della Programmazione 2014-2020? Perché se fosse così mi sa che le riserve in molte regioni siano abbondantemente esaurite!!

    Reply this comment

Write a Comment