Pisello da industria, una coltura strategica per allargare la rotazione

Pisello da industria, una coltura strategica per allargare la rotazione

La Commissione europea è talmente concentrata sull’obiettivo di spingere gli agricoltori ad allargare la rotazione, che ha finanziato un progetto di sperimentazione quinquennale per studiare le diversificazioni colturali.
Il progetto, chiamato “Diverfarming” (www.diverfarming.eu), si propone di allargare la rotazione e di utilizzare le cover crops e le consociazioni tra le colture, coinvolgendo il comparto agroindustriale, adottando percorsi colturali a basso input e che migliorano la fertilità dei terreni, catturando la CO2 e riducendo le emissioni di gas serra.

Rotazione con frumento e pomodoro

In pianura padana Barilla, Consorzio Casalasco del pomodoro, Crea e Università della Tuscia hanno sperimentato per tre anni la rotazione frumento-pomodoro-pisello da industria/pomodoro in secondo raccolto, conseguendo risultati produttivi ed economici molto incoraggianti, come riportato dall’Informatore agrario.

Il pisello da industria è stato seminato con un investimento di 115-120 semi/mq ed è stato apportato nitrato ammonico in copertura, alla dose di 50 kg/ha di azoto. Le produzioni in tre areali (Cremona, Mantova e Piacenza) in media sono state di 4 t/ha.

Si possono ottenere i crediti di carbonio

L’introduzione del pisello da industria nella rotazione garantisce un buon ritorno economico perché richiede un basso impiego di mezzi tecnici e consente di impiantare una coltura estiva da reddito come il pomodoro, ampliando l’offerta della materia prima vegetale.

La capacità di questa rotazione di catturare CO2 potrà consentire agli agricoltori di beneficiare di un nuovo pagamento nella Pac 2023 che si aggiungerà a quelli già noti, relativo al credito di carbonio. Teniamo infine conto del fatto che in Italia e in Europa il rilancio delle leguminose per il consumo fresco è auspicabile, dati il nostro modesto autoapprovvigionamento e l’aumento della richiesta da parte del consumatore.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
pisello

Related Articles

Sos mais italiano: in dieci anni persi oltre 400mila ettari di superficie seminata

Italia, anno 2006: 1.100.000 ettari a mais. Italia, anno 2016: 656.000 ettari a mais. Questo il bilancio del tracollo di

Sorgo: una pianta rustica, versatile e adatta ad aree non irrigue (e costa meno del mais)

Adatto a climi difficili, non avido di acqua ma soprattutto non esposto alla contaminazione da micotossine, il sorgo in Italia

Il grano saraceno è molto richiesto, ma in Italia ne coltiviamo appena 500 ettari

Quando si dice che la domanda spesso non incontra l’offerta, è il caso del grano saraceno. In Italia ne produciamo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment