Affitto o vendita dei titoli Pac con o senza terra: le istruzioni per evitare errori

Affitto o vendita dei titoli Pac con o senza terra: le istruzioni per evitare errori

Affitto con o senza terra

I nuovi titoli Pac all’aiuto possono essere affittati in due forme: insieme alla terra o senza la terra.

  1. Affitto con la terra: si tratta di un trasferimento temporaneo con un numero equivalente di ettari ammissibili e non è soggetto a nessun vincolo o trattenuta.
  2. Affitto senza la terra: si tratta di una novità della nuova Pac, perché nella vecchia Pac questa possibilità non era consentita. In effetti – osserva Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia – si tratta di una pura rendita a favore del possessore dei titoli e per questa ragione l’Italia ha deciso di scoraggiare questo tipo di trasferimento. Infatti i titoli dati in affitto senza che vi sia trasferimento di ettari ammissibili subiscono una riduzione del valore unitario iniziale pari al 30%, che viene riversato nella cosiddetta riserva nazionale.

Vendita con o senza terra

I titoli all’aiuto possono essere venduti in due forme: insieme alla terra o senza la terra.

  1. Vendita con la terra: si tratta di un trasferimento a titolo definitivo con un numero di equivalente di ettari ammissibili.
  2. Vendita senza la terra: si può fare e la vendita non è soggetta ad alcuna trattenuta.

Alcune accortezze operative

L’affitto dei titoli, sottolinea sempre Frascarelli, deve essere effettuato tramite un contratto di locazione annuale o poliennale e l’atto di affitto va scritto e registrato.

La vendita dei titoli nelle due forme ammesse deve essere effettuata mediante atto scritto e registrato.

I trasferimenti vanno comunicati da parte del cedente all’organismo pagatore entro 5 giorni dalla sottoscrizione allegando la documentazione.

Nei contratti di affitto e di compravendita va indicato il numero e il valore dei titoli, ma questi dati non sono ancora disponibili perché verranno comunicati da Agea solo al termine di una complessa procedura di calcolo e di controllo che ha come termine ultimo il 1° aprile 2016. Entro il 15 ottobre 2015 Agea comunicherà a ogni agricoltore il portafoglio provvisorio dei titoli e dell’importo dei pagamenti.

Mancano ancora i valori di riferimento definitivi

Quindi in mancanza di questi dati occorre trovare soluzioni provvisorie, dato che non si possono bloccare per così tanto tempo i trasferimenti.

  • Prima soluzione: i contratti possono contenere il numero e il valore dei titoli provvisori appena Agea li avrà comunicati e va inserita nel contratto una clausola che informa l’affittuario o l’acquirente sul fatto che il valore dei titoli potrebbe cambiare con l’assegnazione definitiva.
  • Seconda soluzione: i contratti di affitto o di vendita potrebbero contenere una clausola che trasferisce i titoli che sono maturati su quel terreno con la domanda di assegnazione presentata il 15 giugno 2015 facendo esplicito riferimento a tale domanda nei contratti.

Un aspetto importante da valutare nei calcoli

Da tenere ben presente nei trasferimenti che il valore dei titoli nella nuova Pac è molto diverso dalla Pac passata perché:

  1. I titoli riguardano solo il pagamento di base, che è pari al 58% del massimale nazionale.
  2. Il valore dei titoli cambierà in tutti gli anni che vanno dal 2015 al 2020 per effetto del meccanismo della convergenza.

Dunque gli agricoltori che vendono o che affittano i titoli devono sapere essere consapevoli:

  • Del valore dei titoli nei vari che può cambiare anche in maniera rilevante.
  • Che il valore dei titoli del pagamento di base genera automaticamente il pagamento greening che è una percentuale del pagamento di base.

In definitiva, il valore dei trasferimenti dovrà essere calcolato e valutato con molta attenzione per non fare errori macroscopici a danno dell’uno o dell’altro.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
calcolo titoli pacpac 2015

Articoli correlati

Nuova Pac: quanto si perde?

La nuova Pac ha deciso un taglio degli attuali pagamenti diretti, ma il sacrificio non sarà uguale per tutti gli

Pac: chi non coltiva percepisce il pagamento di base e incassa anche il greening

Tra i principi ispiratori della nuova Pac c’è ai primi posti l’obiettivo di produrre il più possibile, perché il mondo

Stop ai pagamenti Pac 2017? Una nuova norma impone il certificato antimafia entro il 30 novembre

Tutti gli agricoltori che ricevono più di 5.000 euro all’anno di contributi Pac entro il 30 novembre prossimo dovranno presentare

23 commenti

Scrivi un commento
  1. Cincinnato
    Cincinnato 30 dicembre, 2015, 20:45

    Senza piaggeria voglio esprimere un grazie all’autore. L’articolo è molto utile per l’aspetto informativo culturale ma soprattutto per gli immediati suggerimenti tecnico – operativi per la soluzione degli specifici problemi. Ho acquistato proprio ieri un piccolo appezzamento di terreno agricolo per il quale il venditore detiene titoli PAC ed ho trovato difficoltà in sede d’atto notarile ad avere l’inserimento della cessione con la piena volontà a farlo del cedente. Adesso (oggi mi sono incontrato con questo sito) adotterò quanto qui suggerito. Sono già in possesso di altri titoli PAC, per altri oliveti, dichiarati ogni anno passato.

    Rispondi a questo commento
    • ludovica
      ludovica 10 ottobre, 2017, 21:31

      Buonasera signor Bartolini, vorrei dei chiarimenti. Mio padre,agricoltore, aveva dei titoli pac, dopo la sua morte sono passati a mia madre che era coltivatrice. Due mesi fa è morta mia madre. I titoli vengono ereditati dai 4 figli anche se non sono agricoltori? O vengono ereditati solo dai due figli che hanno ereditato i terreni che hanno i titoli?Possiamo affittarli insieme ai terreni? Grazie

      Rispondi a questo commento
  2. cesarelegnani
    cesarelegnani 6 marzo, 2016, 18:25

    Buonasera nel 2015 avevo 19 Ha ora ne ho 65 Ha posso acquistare o affitare titoli pac? I nuovi terreni erano del istituto del sostentamento del clero.
    Grazie
    Cesare legnani

    Rispondi a questo commento
  3. BobBlack
    BobBlack 11 marzo, 2016, 20:59

    Caro Bart, ti avevo perso di vista. Vedo con piacere che sei sempre sulla cresta dell’onda. Anch’io del resto non riesco a farmi cacciare. Un saluto BobBlack

    Rispondi a questo commento
  4. Maurizio3
    Maurizio3 16 marzo, 2016, 14:59

    In qualità di affittuario che però possiede materialmente i titoli posti su quel terreno,potrei subaffittare titoli e terreno ad altri con il consenso del proprietario?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 18 marzo, 2016, 08:40

      Gentile Maurizio, a quanto ci risulta, se affitta titoli e terra dandoli a un terzo soggetto – che però deve avere tutti i requisiti richiesti dalla Pac, primo tra i quali essere agricoltore attivo – non ci dovrebbero essere problemi. In ogni caso per maggiore sicurezza è meglio che lei ponga la domanda al suo CAA di zona o agli uffici delle organizzazioni agricole del suo territorio.

      Rispondi a questo commento
  5. ERGA Omnes
    ERGA Omnes 22 marzo, 2016, 16:26

    Egr. Dott. Bartolini rappresento una societa agricola che deve vendere dei terreni in zona Alessandria , su questi terreni nessuno aveva mai chiesto la PAC e ora vorrei sapere se mi porta svantaggio in trattativa questo elemento o e’ indifferente .. la ringrazio per la risposta

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 23 marzo, 2016, 11:26

      Gentile lettore, non avere mai fatto domanda Pac significa avere rinunciato a un aiuto che sarebbe andato a incrementare il reddito e il valore della azienda. Chi acquista, se ha i requisiti di agricoltore attivo, potrà sempre far richiesta di titoli alla Riserva Nazionale, a meno che non ci siano particolari impedimenti che non possiamo conoscere.
      Grazie per la sua richiesta.

      Rispondi a questo commento
  6. Giovanni.b
    Giovanni.b 4 maggio, 2016, 15:14

    Salve,innanzitutto complimenti per il sito, veramente ricco di informazioni utili,e sopratutto aggiornate.
    La mia domanda per il dott. Bartolini è la seguente, puo un affitatario di un terreno rifiutarsi di cedere i titoli di un appezzamento che io sto comprando dal propietario…quali possono essere le soluzioni

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 5 maggio, 2016, 11:20

      Buongiorno Giovanni, grazie per i suoi complimenti che apprezzo molto. Mi dispiace però di non poter rispondere al suo quesito personale. Il nostro sito svolge esclusivamente una funzione informativa, trattando in forma molto sintetica argomenti di carattere tecnico e normativo. Per questo motivo non siamo in grado di fornire nessuna forma di consulenza online sui casi particolari come il suo, per i quali è necessario rivolgersi alle strutture di consulenza, pubbliche e private, abilitate a questo scopo. Grazie comunque per seguirci e per averci rivolto la domanda.

      Rispondi a questo commento
  7. Fabius
    Fabius 25 maggio, 2016, 03:16

    Salve..io ho sempre lavorato un terreno in affitto..e percepito e maturato i titoli PAC..ora il proprietario ha messo in vendita il terreno in questione. A me non interessa comprarlo. Volevo sapere se i titoli maturati restano a me ..cordiali saluti

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 25 maggio, 2016, 10:40

      Gentile lettore, se ha ricevuto da Agea l’assegnazione dei nuovi titoli Pac, e quindi in questi anni ha sempre fatto la domanda, ci risulta che i titoli rimangono a lei.

      Rispondi a questo commento
  8. Mauro
    Mauro 6 novembre, 2016, 19:14

    Buonasera, circa 2 anni fa ho ereditato dei terreni agricoli da mio zio, dati in affitto ad agricoltori con regolare contratto inclusi i titoli pac – a ottobre e’ scaduto il contratto triennale e l’af fittuario sostiene che dovrei ridurre il canone perche’ con la nuova normativa Pac io proprietario non sono piu’ titolare dei titoli ma lo e’ diventato lui: preciso che non sono un agricoltore – ha ragione ? Cordialmente la saluto.

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 7 novembre, 2016, 13:14

      I nuovi titoli Pac sono certamente di pertinenza di chi ha fatto domanda Pac e di coltiva la terra, ma questo non può in alcun modo incidere sull’entità del canone di affitto. Se l’affittuario chiede una riduzione del canone deve giustificarlo con altra argomentazione, perché la titolarità della Pac, come si diceva, non c’entra nulla.

      Rispondi a questo commento
  9. max
    max 4 novembre, 2017, 11:33

    ho acquistato dei titoli di aiuto pac da accoppiare alla terra che ho ereditato. non sono agricoltore attivo. volevo sapere se dopo la riforma pac 2015 i titoli sono passati di ufficio all’agricoltore a cui avevo affittato la terra. grazie

    Rispondi a questo commento
  10. Vera Dotti
    Vera Dotti 4 dicembre, 2017, 20:24

    Buonasera sig.Bartolini .Ho un contratto d’affitto(terreno +titoli Pac ) che mi scade il 31/12/2017 .é vero che la GEA può espropriarmi dei titoli e darli all’affittuario ? Io sono una pensionata .Grazie x la sua risposta .

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 6 dicembre, 2017, 11:49

      Salve sig.ra Dotti, grazie per averci contattato. I titoli sono di proprietà dell’agricoltore, sempre che abbia tutti i requisiti, tra i quali quello di essere “agricoltore attivo”. Al termine del contratto di affitto, titoli e terra tornano al proprietario.

      Rispondi a questo commento
  11. Eugenio88
    Eugenio88 11 dicembre, 2017, 11:02

    Salve dottore. Ringraziandola anticipatamente per la sua cortesia volevo dirle che mia suocera , nel 2012, ha presentato una domanda quale “nuovo agricoltore ” ottenendo l’accesso alla riserva gratuito , quindi i relativi titoli . La condizione per farlo era quella di “non aver esercitato in nome e per conto proprio alcuna attività agricola nei 5 anni precedenti. Di fatto però era inscritta come coltivatore diretto nel nucleo familiare di mio suocero da oltre 20 anni . Domanda : aveva effettivamente titolo a qualificarsi “nuovo agricoltore” ?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 14 dicembre, 2017, 08:33

      Salve Eugenio, può trovare la risposta alla sua domanda leggendo la circolare Agea ACIU 2015.275 del 3 giugno 2015, che riporta tutte le condizioni di accesso alla riserva nazionale. La trova facilmente con una ricerca su Google.

      Rispondi a questo commento
  12. Nick
    Nick 12 dicembre, 2017, 09:23

    Buongiorno,
    volevo un chiarimento per quanto riguarda la riserva nazionale.
    Io ho presentato richiesta nel 2016 senza essere in possesso di partita iva e senza iscrizione presso la camera di commercio. Mi avevano detto di poter dimostrare di essere agricoltore attivo presentando la denuncia dei redditi con la questione del 5%. A causa di una mia dimenticanza non ho mai presentato la denuncia dei redditi e quindi le chiedo se potevo presentare domanda di accesso alla riserva nazionale anche nel 2017.
    La ringrazio

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*