Agricoltura, come concimare il mais per avere alte produzioni e qualità

Agricoltura, come concimare il mais per avere alte produzioni e qualità

È un’anticipazione colturale che pesa sul conto economico finale del mais, ma dal corretto piano di concimazione, oltre che dall’acqua, dipende gran parte del successo produttivo della coltura del mais (meteo permettendo).

A tal proposito va ricordato prima di tutto (e purtroppo alcuni lo dimenticano) quanto azoto, fosforo e potassio asporta un mais che produce 130 quintali di granella secca. Ecco i dati in media:

  • Azoto: 290 unità
  • Fosforo: 130 unità
  • Potassio: 280 unità

Già da questa premessa si capisce che al mais “si deve dar da mangiare”, altrimenti la coltura non produce come potrebbe. Qual è dunque un corretto piano di concimazione? Sarebbe bene disporre di analisi del terreno (da rifare almeno ogni cinque anni) per stabilire con massima precisione come operare, tuttavia ecco alcune indicazioni di massima.

Fase di pre-semina

In pre-semina va dato almeno il 30% dell’azoto totale, insieme a 80 unità/ha di fosforo e a tutto il potassio. Per questo nutriente va tenuto presente che con residui colturali lasciati sul terreno, i 4/5 del potassio asportato ritorna in campo, quindi la dose da distribuire ex novo risulta minima, sempre che il terreno non manifesti palesi carenze di questo elemento.

Semina

Alla semina fondamentale è l’apporto di fosforo localizzato, che ha un indispensabile effetto starter sulla buona partenza della radichetta. Se si usa il canale di localizzazione del microgranulatore, la dose di fertilizzante fosfatico è attorno a 30-40 kg/ha.

Due interventi azotati in copertura

Le 190 unità di azoto a ettaro che rimangono da distribuire in copertura è bene frazionarle in due momenti, per evitare dispersioni e soprattutto per accompagnare in maniera graduale lo sviluppo della coltura. La prima distribuzione va fatta entro la levata, cioè quando la pianta è alle tre foglie, e la seconda dopo 30-35 giorni.

Se in pre- semina si utilizzano forme di azoto a cessione controllata, si può risparmiare qualche unità nelle concimazioni di copertura.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
concimazionemais

Articoli correlati

Diserbo cereali: sì a un solo intervento, ma in quale epoca? Ecco la risposta

Negli ultimi anni, anche a causa della scarsa redditività aziendale del settore cerealicolo, si è assistito a una razionalizzazione delle

Come semplificare e velocizzare il diserbo post-emergenza dei cereali vernini: guida ai prodotti ‘one pass’

Graminacee, dicotiledoni, popolazioni di infestanti resistenti: diventa sempre più complicato combattere con buoni risultati le malerbe sui campi dei cereali

Diserbo del frumento: tornano in auge i ”residuali”, inseriti in molti disciplinari di produzione

I trattamenti di pre-emergenza e post-precoce sul frumento tornano in auge come una sorta di “assicurazione” preventiva e possono evitare

1 commento

Scrivi un commento
  1. Amedeo
    Amedeo 4 Febbraio, 2019, 21:20

    Concordo sulla concimaziobe in coperura a partire dalka 3 foglia

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*