Spandiconcime Kverneland

Agricoltura e primo insediamento: rilevare i titoli Pac dal proprietario o fare domanda alla riserva nazionale?

Agricoltura e primo insediamento: rilevare i titoli Pac dal proprietario o fare domanda alla riserva nazionale?

Facciamo il caso di un giovane agricoltore al di sotto dei 40 anni che prende in affitto un terreno per fare domanda di primo insediamento. Gli conviene rilevare i titoli dal proprietario della terra o fare domanda alla riserva nazionale?

L’agronomo Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia afferma che entrambe le strade sono valide, ma con una differenza sostanziale:

  • In caso di affitto di terra e titoli, questi ritornano nel possesso del proprietario al termine del contratto di affitto.
  • Nel caso di domanda alla riserva nazionale, i titoli sono di proprietà del giovane agricoltore anche dopo la scadenza del contratto di affitto.

È chiaro che sono diversi anche i tempi di pagamento:

  • Affitto di terra e titoli: il giovane agricoltore riceve l’acconto del 50% della Pac a novembre 217 e il saldo nei primi mesi del 2018.
  • Assegnazione dei titoli dalla riserva nazionale: il giovane presenta domanda il 15 maggio 2017 e i titoli saranno assegnati e pagati all’incirca ad aprile 2018.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Annullato un convegno sull’agricoltura di precisione: alla Fiera di Santa Lucia torna la “santa inquisizione”

Il mondo agricolo, e in particolar modo il settore dei seminativi, sta attraversando un periodo difficile in quanto le importazioni

Pac 2018: le principali novità dopo la revisione di medio periodo

È stata approvata la riforma di metà percorso della Pac (ex Omnibus), presentata nei giorni scorsi a Roma dall’europarlamentare Paolo

Glifosate, si decide tutto il 6 novembre. Ma c’è l’ipotesi di un’altra proroga temporanea

L’autorizzazione all’impiego del glifosate nell’Unione europea potrebbe essere rinnovata per 18 mesi o addirittura per 5 anni: questo, almeno, sarebbe

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*