Offerta Botte Kverneland

Agricoltura, la ricetta per ridurre le perdite economiche e fare le scelte giuste

Agricoltura, la ricetta per ridurre le perdite economiche e fare le scelte giuste

Se guardo alle decisioni prese nella mia azienda nel passato, mi accorgo di come quasi sempre il percorso di valutazione delle nostre scelte imprenditoriali fosse determinato da cosa facevano i colleghi, dal buonsenso e dall’esperienza – elementi non certo sbagliati, ma insufficienti in una condizione di mercato come quella attuale, caratterizzata da un costante calo della marginalità.

L’allevatore Marco Bertoni, sull’ultimo supplemento Stalle da Latte de L’Informatore Agrario, descrive come è cambiato in meglio il destino economico della sua azienda da quando ha iniziato a redigere un bilancio aziendale. Sembra una cosa ovvia, fare il bilancio aziendale, ma sappiamo bene che una buona parte degli agricoltori non usa in maniera corretta questo strumento di analisi puntuale dei propri costi, bensì si accontenta di una serie di dati approssimativi di entrate e uscite.

Bartoni, invece, realizza un conto economico per la stalla, la campagna e il fotovoltaico. «Il conto economico della campagna nelle annate migliori si avvicina al pareggio – dice l’allevatore – mentre molto spesso chiude in perdita, e questo ci ha spinto a capire perché succede, indagando sui costi di produzione dei nostri foraggi».

Ma cosa utilizza Bertoni nella pratica quotidiana? Questa la sua strategia: «Un foglio excel denominato “Colture” mi permette di conoscere il reale costo di produzione dei singoli foraggi, compilato giornalmente con le ore impiegate dal trattore, dagli attrezzi e dagli operatori. Su un altro foglio denominato “Trattori” registro i costi di ammortamento, manutenzione, carburanti e lubrificanti, determinando il costo orario di ogni singolo trattore. Stessa procedura per il foglio “Attrezzi” e per il foglio “Mezzi produttivi”, diviso per sementi, concimi, diserbo, materiali di consumo, irrigazione, spese contoterzi, eccetera. Unendo tutti i costi, si arriva a un costo totale che, diviso per le quantità di foraggio prodotto, determina il costo unitario. Questo costo va confrontato con i prezzi di mercato e così per ogni coltura si costruisce un bilancino che ci fa capire come muoversi nella campagna successiva a seconda della remuneratività o meno delle diverse colture. Tali bilanci permettono anche di fare delle simulazioni di cosa accade se si attua una diversa gestione dei terreni, se ci si affida ai contoterzi o se si modificano i percorsi colturali e l’uso dei mezzi tecnici. Ma ci dicono anche se è opportuno mantenere tutto il terreno in affitto o rinunciare a una parte di esso e acquistare sul mercato ciò che occorre alla stalla, oppure se siamo sovradimensionati con il parco macchine e se esistono modalità alternative di gestione come utilizzo associato o affitto».

Vi abbiamo proposto questa esperienza di Bertoni perché riteniamo che sia il modello giusto da imitare per avere a disposizione dati certi, e non solo impressioni, sui quali ragionare, prendere decisioni e impostare in maniera logica e coerente con il mercato la propria attività imprenditoriale.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricolturaallevamentoMarco Bertoni

Articoli correlati

Piani Sviluppo Rurale, tutte le risorse regione per regione

1,184 milioni: le risorse destinate dal Veneto ai nuovi PSR Spinta all’innovazione tecnologica in sintonia con la sostenibilità ambientale e

Pac: quali pascoli sono ammessi agli aiuti e come si devono gestire le superfici

Quali sono i pascoli ammessi agli aiuti Pac? Il primo quesito che si deve risolvere riguarda la percentuale di ammissibilità

PSR Lombardia: perché e come sostengono le lavorazioni conservative

Dopo anni e anni di dibattiti tecnici, e soprattutto grazie ai tanti agricoltori innovatori che hanno abbandonato le lavorazioni tradizionali

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*