Offerta Botte Kverneland

Arriva l’assicurazione per grano tenero e duro: se i prezzi precipitano, ci sono indennizzi per mancato reddito

Arriva l’assicurazione per grano tenero e duro: se i prezzi precipitano, ci sono indennizzi per mancato reddito

Il Ministero dell’agricoltura ha stanziato 10 milioni di euro per sperimentare un’assicurazione, la prima in Europa, sui ricavi di frumento tenero e duro dei produttori agricoli italiani. Un produttore di grano oggi può sottoscrivere la “Polizza ricavo” pagando un premio alle assicurazioni, che viene coperto per il 65% dall’agevolazione del Ministero (tutti i dettagli sono sul sito www.politicheagricole.it).

Nel caso in cui il ricavo scenda del 20% rispetto alla media del ricavo per ettaro dei tre anni precedenti, l’agricoltore riceverà dalla compagnia assicurativa un indennizzo per la perdita di reddito. Attenzione però: per “perdita di ricavo” si intende la combinazione tra la riduzione di resa per le avversità e fisiopatie (gelo, brina, siccità, alluvioni, eccesso di neve e pioggia, grandine, vento forte, colpi di sole, vento caldo, sbalzi termici) ammesse dal “Piano assicurativo nazionale 2017” e la riduzione del prezzo di mercato. Quindi si tratta di una polizza aggiuntiva specifica per le oscillazioni dei prezzi di mercato.

Il massimale di contribuzione per azienda è di 15.000 euro per tre esercizi finanziari.

Un esempio concreto

Se prendiamo un’azienda foggiana di 10 ettari che nel 2013-2014-2015 aveva una media dei ricavi pari a 11.295 euro e che nel 2016 ha avuto un introito effettivo di 7.575 euro, il risarcimento per “perdita di ricavo” sarà pari a 3720 euro.

Se per esempio il valore assicurato è pari a 1.129,51 euro/ha e la tariffa assicurativa media è pari al 4,5% del valore assicurato, la quota contributiva sarà così suddivisa:

  • Contributo pubblico massimo sul premio (65%) = 33.04 euro/ha
  • Costo assicurativo effettivo per l’agricoltore ( 35% del premio) = 17,79 euro/ha
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

I prezzi di cereali, latte e suini riprendono vigore: pensiamo positivo e avanti con l’innovazione!

Lo scorso novembre 2015 il prezzo del latte spot era di 25-30 cent/litro, mentre a novembre 2016 è arrivato a

Diciamo la verità: l’agricoltura arranca e serve un rinnovamento dalle fondamenta. Chi fa la prima mossa?

L’agricoltore, si sa, sopporta male le critiche e tanto meno i rimproveri, ma come si dice… “Quando ci vuole, ci vuole”.

”Piano Nazionale Glifosate Zero: la decisione di Martina è contro l’agricoltura”

La Commissione ambiente del Parlamento europeo ha votato no al rinnovo dell’uso del glifosate in agricoltura. Ora si deve attendere

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*