Offerta Botte Kverneland

Come coltivare il frumento biologico: dall’apporto di azoto alla difesa da infestanti e attacchi fungini

Come coltivare il frumento biologico: dall’apporto di azoto alla difesa da infestanti e attacchi fungini

Quando si vende il prezzo di mercato è più alto di quello convenzionale, ma non c’è dubbio che le rese sono inferiori: tuttavia il frumento biologico continua a raccogliere consensi tra gli agricoltori, ma anche in questo caso è sempre la buona tecnica applicata a fare la differenza. Per questo, dispensiamo qui di seguito qualche consiglio agronomico da seguire per sapere come coltivare il frumento biologico.

Dotazione organica

La dotazione organica del frumento biologico in pre-semina è molto importante e può essere fatta o con una letamazione (350-450 ql/ha) in occasione della semina della coltura che precede il frumento bio, oppure con una concimazione organica pellettata alla dose di 5-7 ql/ha.

Azoto in due tempi e falsa semina

Per quanto riguarda l’azoto, questo va ripartito in due momenti, alla semina e a fine inverno, abbinandolo a un passaggio di erpice strigliatore per favorire la mineralizzazione e controllare le infestanti.

Molto importante è la tecnica della falsa semina per eliminare quante più malerbe possibile prima di seminare il frumento biologico. Va eseguita quindi una lavorazione leggera, 15 giorni prima della semina.

Non seminare troppo fitto

Per quanto riguarda la scelta varietale, è bene optare per varietà resistenti alle malattie fungine certificate per l’agricoltura biologica. E vanno evitate le semine troppo fitte, quindi occorre operare a 2,8-3 ql/ha di seme ed evitare il ristoppio, così come la successione stretta al mais.

La rotazione minima consentita dal biologico è di tre anni, ma meglio sarebbe arrivare a quattro, facendo precedere al frumento una leguminosa che lascia azoto nel suolo.

Quando effettuare le strigliature

A emergenza avvenuta è opportuno effettuare una strigliatura per eliminare eventuali infestanti e per arieggiare il terreno, mentre durante l’accestimento, se le condizioni del suolo lo consentono (cioè se non c’è ghiaccio e non ci sono ristagni), va fatta una strigliatura in senso contrario alla precedente.

Il piano dei trattamenti contro le malattie fungine

A questo punto inizia il controllo delle malattie con un trattamento preventivo a base di prodotti cuprici, come idrossido di rame, ossicloruro di rame, solfato di rame tribasico, ossido rameoso. A distanza di 15 giorni va poi eseguito un trattamento con prodotti specifici, quali inoculi di funghi micorrizici e batteri della rizosfera, per attivare nella pianta i sistemi di autodifesa verso le principali malattie fungine.

Alla levata può essere consigliabile una ulteriore strigliatura. Inoltre, se c’è il pericolo di attacchi di oidio, septoria e ruggine, si può intervenire con trattamenti a base di zolfo che servono anche a migliorare i parametri qualitativi della granella.

Insieme al trattamento fungicida è opportuno un trattamento fogliare con prodotti a base di azoto organico arricchito con amminoacidi e microelementi per mantenere vitale l’apparato fogliare del frumento. Infine, con la spiga completa si può operare un trattamento con rame e zolfo che “copre” la coltura sino alla raccolta.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura biologicafrumento

Articoli correlati

Coriandolo da seme, una buona opportunità per una coltura a contratto richiesta dal mercato

Record 2015 per il coriandolo da seme, che ha tagliato il traguardo dei 20 mila ettari in Emilia-Romagna, Marche, Toscana,

Far conoscere le cover crops agli agricoltori di domani

È un’iniziativa di Condifesa Lombardia Nord Est e di alcuni agricoltori illuminati come Massimo Motti e Giacomo Lussignoli, quella di

Silosorgo: con gli ibridi della nuova generazione genetica si raggiungono le stesse unità foraggere del silomais

«Dopo che ho raccolto il triticale, semino il sorgo da foraggio che affianca il mais seminato in primo raccolto. Il

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*