Offerta Botte Kverneland

Concimazioni a dosi variabili in base alla “fame” della coltura, grazie ai sensori del Geospread

Concimazioni a dosi variabili in base alla “fame” della coltura, grazie ai sensori del Geospread

Spandimento del concime accurato anche nei campi di forma irregolare, chiusura automatica delle sezioni per evitare sovrapposizioni, sistema di rilascio centrale del concime per evitare la frammentazione dei granuli e possibilità di operare anche di notte, guidati dal satellite. Sono solo alcune delle peculiarità dello spandiconcime Kverneland Exacta TL GEOspread, alle quali si aggiunge l’applicazione dei sensori di vigore Topcon CropSpec.

I due sensori del sistema CropSpec di Topcon montati in alto sui lati del tetto della cabina con le antenne di ricezione.

Particolare del sensore di vigore che definisce in tempo reale le effettive necessità nutrizionali delle piante in vegetazione.

I due sensori montati su ambo i lati del tetto della cabina del trattore misurano in tempo reale, man mano che lo spandiconcime avanza nel campo, la riflettenza delle piante per determinarne il contenuto in clorofilla che viene correlato con la concentrazione di azoto nelle foglie.

La cabina del trattore dell’azienda Fondo Spinosa della famiglia Lugli nel mantovano. Si nota il volante con la nuovissima guida automatica e il monitor Topcon X30 che importa i dati del sistema di misura della vigoria Crop Spec.

Il computer calcola istantaneamente il valore, alto o basso in base a quanto definito dall’operatore, delle dosi variabili di concime da distribuire in funzione della reale necessità di nutrimento che hanno le colture nelle diverse aree del campo.

Ma perché utilizzare la stessa dose di concime quando le piante hanno necessità diverse? Oltre alla concimazione variabile in pre-semina, finalmente oggi l’agricoltore può disporre di un sistema per effettuare una distribuzione variabile anche in copertura, fondata sull’effettivo stato vegetativo delle piante.

Il Kverneland GEOSpread TL è autocalibrante, a doppio disco, con controllo automatico delle sezioni e sistema di pesatura in continuo. Con una larghezza di lavoro di 45 metri c’è la possibilità di chiudere in automatico ben 22 sezioni. Gli sprechi di concime sono annullati.

Particolare del sistema di spandimento, con otto pale speciali e due attuatori posti su ciascuna unità di dosaggio che controllano il punto di scarico e il tasso di distribuzione.

Exacta Line, il sistema per lo spandimento di bordura con appositi deflettori che impediscono di distribuire il concime nei fossi o nelle aree che non devono essere concimate.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
concimazioneKvernelandspandiconcime

Articoli correlati

Agricoltura, ecco cosa succede quando non si usano i sistemi di precisione

Tutti gli agricoltori e i contoterzisti italiani hanno almeno uno smartphone di nuova generazione e c’è chi ne ha addirittura

Spandiconcime di precisione: la tecnologia aiuta l’agricoltura

Così l’agronomo Roberto Bartolini introduceva il suo articolo “Spandiconcime, meglio puntare sui modelli a due dischi” pubblicato su Il Nuovo

Salvagnin: “Elettronica, mappe e precisione: così abbiamo aumentato il reddito aziendale”

«Lo stesso discorso vale per il diserbo», prosegue Salvagnin. «Per quello di pre-emergenza del mais, dove c’è prevalenza di sabbia,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*