Campagna finanziaria Young 140

Dal 15 aprile, occhio alla ricognizione preventiva della nuova Pac

Dal 15 aprile, occhio alla ricognizione preventiva della nuova Pac

Dal 15 aprile parte la ricognizione preventiva della nuova Pac da parte di Agea, che ha lo scopo di:

  1. Individuare i potenziali beneficiari della nuova Pac, con pubblicazione dell’elenco nel sito Agea.
  2. Fare la ricognizione delle superfici ammissibili per l’assegnazione dei nuovi titoli individuate dal sistema informativo GIS.

Dunque da domani in avanti gli agricoltori e gli operatori dei CAA dovranno comunicare ad Agea le eventuali modificazioni o trasformazioni aziendali intervenute prima della presentazione della nuova domanda Pac del 15 giugno 2015, come ad esempio successioni, fusioni, scissioni e circostanze eccezionali.

I documenti giustificativi relativi a ciascuno dei casi sopracitati devono essere prodotti dall’agricoltore e registrati nel Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN) e inseriti nel fascicolo aziendale. Tutto questo entro il 15 giugno 2015.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
nuova Pacpac 2015

Articoli correlati

Grano duro: patto agricoltori-industriali per aumentare la produzione di qualità con i contratti

La nostra produzione interna di grano duro (in media di 4 milioni di tonnellate annue) è sufficiente a coprire solo

Sodo, interramento liquami e PSR: come cambia la redditività della coltura del mais

  Facciamo bene i conti su spese e ricavi Totale costi: 1125 euro/ha La PLV, su una produzione di granella

Greening e diversificazione: la scelta delle colture è libera

Un agricoltore che ha più di 30 ettari a seminativo ha facoltà di decidere liberamente quali colture seminare nel rispetto

1 commento

Scrivi un commento
  1. SANDRINO
    SANDRINO 15 Aprile, 2015, 10:38

    buongiorno, vorrei sapere se è possibile trasferire un titolo senza terra e se è possibile unire piu’ aziende che hanno titoli di valore inferiore a 250 euro?

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*