Diserbo e micotossine: come comportarsi passando dall’aratura alla minima lavorazione

Tanti agricoltori, perplessi nell’abbandonare l’aratura per rivolgersi alle minime lavorazioni, pongono soprattutto due problemi:

  1. Le infestanti aumentano senza l’interramento dei semi?
  2. I residui colturali rimasti in superficie possono aumentare il pericolo di contaminazioni da micotossine?

Sebastiano Bongiovanni di Agrievo a Casalmaggiore (Cremona) porta le sua esperienza pratica e offre qualche prezioso consiglio, dopo che da tanti anni ha mandato l’aratro in pensione. Clicca sull’anteprima qui sopra per far partire il video.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Related Articles

Letto di semina su terreni argillosi: se si applica la minima lavorazione, occorre flessibilità nelle decisioni

Chi legge i miei articoli sa bene che per me l’aratro è l’ultima carta da giocare, dal momento che da

Mais: 380 euro di reddito in più con minima lavorazione e dosi variabili

1012 euro/ha contro 615,94 euro/ha: è la differenza di reddito netto tra la lavorazione tradizionale con guida manuale (aratura ed

Perché il contoterzista è più vantaggioso rispetto alla meccanizzazione in proprio

Affidarsi a un contoterzista o adoperare la meccanizzazione in proprio? Questo il dilemma di molte imprese agricole italiane. Un dilemma

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment