Diserbo e micotossine: come comportarsi passando dall’aratura alla minima lavorazione

Tanti agricoltori, perplessi nell’abbandonare l’aratura per rivolgersi alle minime lavorazioni, pongono soprattutto due problemi:

  1. Le infestanti aumentano senza l’interramento dei semi?
  2. I residui colturali rimasti in superficie possono aumentare il pericolo di contaminazioni da micotossine?

Sebastiano Bongiovanni di Agrievo a Casalmaggiore (Cremona) porta le sua esperienza pratica e offre qualche prezioso consiglio, dopo che da tanti anni ha mandato l’aratro in pensione. Clicca sull’anteprima qui sopra per far partire il video.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Related Articles

Perché il sistema di distribuzione elettrica del seme non è uguale in tutte le seminatrici

Il video che presentiamo qui sopra illustra le particolarità del sistema di semina “e-drive” montato sulle seminatrici Kverneland. Con l’e-drive,

Kverneland Enduro, un nuovo concetto di coltivatore: da superficiale a profondo

Le condizioni meteo e le rotazioni variano durante gli anni, rendendo difficile avere un coltivatore che incontri tutte le richieste

Erba medica di alta qualità con un cantiere all’avanguardia: il progetto di Agrievo

Sebastiano Bongiovanni e Giampiero Aroldi di Agrievo a Casalmaggiore (Cremona) si sono sempre distinti per essere agricoltori e contoterzisti innovatori,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment