Dopo il 9 giugno, raccolto il loietto si può coltivare tutto mais

Dopo il 9 giugno, raccolto il loietto si può coltivare tutto mais

Poniamo il caso di un’azienda agricola che ha coltivato tutti i suoi 30 ettari a loietto. Dato che la produzione di erba supera il 75% dei seminativi, l’azienda è esonerata dal rispetto del greening. Quindi, dopo che ha raccolto, può seminare tutto mais?

La nuova Pac dice di sì, a patto che la semina avvenga dopo il 9 giugno.

Questo perché la normativa prevede che su una superficie in cui si pratica la policoltura intercalare – sottolinea Angelo Frascarelli – coltivando una coltura seguita da una seconda coltura la superficie si ritiene occupata esclusivamente da una sola coltura detta coltura diversificante.

La circolare di Agea 2014.702 del 31 ottobre 2014 (clicca qui per leggerla in PDF) stabilisce che il periodo nel quale si identificano le colture presenti in azienda ai fini della diversificazione va dal 1° aprile al 9 giugno, prendendo in considerazione colture seminate o coltivate in detto periodo.

Dunque le colture seminate dopo il 9 giugno non vengono prese in considerazione ai fini della diversificazione.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
loiettomaisnuova Pac

Articoli correlati

Il loietto può ‘aggirare’ il greening. A patto che…

Gabriele Chiodini, esperto di Pac dell’Università di Perugia, pone un caso molto interessante per gli agricoltori della Pianura Padana, assai

L’agricoltura italiana va riorganizzata e modernizzata. Le risorse ci sono, ma nessuno coordina il cambiamento

Queste considerazioni fanno parte di un articolo di Luigi Barbieri, presidente della Federazione nazionale produttori latte bovino di Confagricoltura, comparso

Grano duro, agricoltori contro industriali: è ora di finirla (e di cominciare a collaborare)

Queste sono le parole conclusive di Angelo Frascarelli nel suo ottimo intervento pubblicato di recente sull’Informatore Agrario, che ha fatto

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*