Frumento duro, le varietà più produttive per le prossime semine

Frumento duro, le varietà più produttive per le prossime semine

Anche quest’anno la rete nazionale di confronto tra le varietà di frumento duro offre interessanti indicazioni in vista delle prossime semine. Sono state confrontate 38 varietà in 31 campi al sud, isole e al centro-nord. Le medie produttive sono comprese tra 4,18 t/ha del sud e 6,32 t/ha del centro-nord.

Le migliori varietà di frumento duro 2019

LG Anubis è la varietà di frumento duro più produttiva in assoluto, con una media in tutte le località di 5,81 t/ha, seguita da Antalis con 5,68 t/ha. Si tratta di varietà di recente introduzione sulle quali gli agricoltori dovrebbero puntare, anche solo per prova su qualche ettaro, per saggiarne la produttività nella propria realtà produttive.

La classifica prosegue con Claudio, che ha una resa media in tutte le località di 5,60 t/ha e si conferma una varietà di frumento duro molto affidabile, seguita da Monastir (5,5 t/ha) e Tito Flavio (5,48 t/ha).

Le varietà di frumento duro più produttive per il sud

Nel Meridione ottimi risultati produttivi sono stati registrati dalle nuove varietà SY Atlante (media in tutte le località 5,46 t/ha con picchi di produzioni di 5,89 t/ha) e RGT Aventadur (media produttiva 5,27 t/ha con picchi di produzione di 5,66 t/ha).

Bene al sud anche Iride (5,62 t/ha) e Furio Camillo (5,94 t/ha), due varietà di frumento duro già ben collaudate. Infine, tra le novità sono da segnalare Beltorax con 5,45 t/ha ed Egeo con 5,07 t/ha.

Varietà di frumento duro più produttive per il centro-nord

Negli areali del centro-nord, tra le varietà di frumento duro più produttive, Casteldoux è al vertice con 6,80 t/ha. Bene anche Platone (6,38 t/ha) e Nuraghe ( 6,23 t/ha).

Tra le nuove varietà sono da segnalare RGT Avergur (6,54 t/ha), Heraklion (6,34 t/ha) e RGT Rangodur (5,46 t/ha).

Considerazioni generali

In generale quella del frumento duro è stata un’annata che ha visto penalizzato il contenuto proteico al Sud (12,3 % s.s.), mentre al centro-nord i valori medi si sono posizionati tra 14,7 e 14,9 % s.s.

Per quanto riguarda le produzioni, decisamente male al nord, mentre centro e soprattutto sud e isole sono andati meglio rispetto agli altri anni.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
frumentograno duro

Articoli correlati

Semina e concimazione a dose variabile del mais: prove di confronto

Dopo la grande siccità invernale e di inizio primavera e le piogge battenti dei primi dieci giorni di aprile, finalmente

Soia, perché lo stelo è ancora verde e ha le foglie quando i bacelli sono pronti per la raccolta

La chiamano “sindrome dello stelo verde” e avviene quando la pianta di soia, nel periodo della raccolta, presenta il fusto

Virtù e usi del sorgo, una coltura da valorizzare su tutti i terreni

L’Europa punta forte sul sorgo ed è più che mai attiva Sorghum ID, l’associazione interprofessionale europea dedicata alla promozione del

1 commento

Scrivi un commento
  1. Ioannis
    Ioannis 29 Giugno, 2020, 10:16

    Buon giorno vorrei infirmarmi per le varieta di grano duro piu produttive

    Sono produttore di grano duro , circa 40ha
    cordiali saluti Giovani

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*