Grano duro, le varietà più produttive per le prossime semine

Grano duro, le varietà più produttive per le prossime semine

Non c’è dubbio che la scelta varietale azzeccata è uno degli elementi per cercare di mettere al sicuro il raccolto. Poi saranno la tecnica e la stagione a fare tutto il resto.

Il CREA come ogni anno ha svolto una sperimentazione di confronto varietale del grano duro su diversi materiali genetici al sud e al centro-nord. Riportiamo di seguito una sintesi, indicando le varietà che si sono comportate meglio.

Le 6 varietà di grano duro migliori in tutti gli areali

Le sei varietà di grano duro che si sono comportate meglio in tutti gli areali sono Antalis (CGS sementi), Claudio (Sis), Monastir (Semetica), Tito Flavio (Sis) e le più recenti Giulio (Sis) e Platone (Apsosementi). Si tratta delle sei varietà che occupano in tutti gli areali i primi posti in classifica come produzione e percentuale di proteine. Essendo varietà di grano duro di recente o recentissima introduzione, questo significa che il lavoro di miglioramento genetico delle società sementiere sta offrendo agli agricoltori varietà con sempre migliori performance.

Le migliori varietà di grano duro al sud Italia

In tutti gli areali meridionali sono al vertice produttivo Ramirez (Semetica), Odisseo (Syngenta), Furio Camillo (Sis), Ettore (Isea-Agroservice), Kanakis (Semetica) e Core (Sis).

Nelle isole ottime le risposte di Marakas (Ragt Italia), Iride (Syngenta), Secolo (Syngenta), Egeo (Syngenta) e Alemanno (Coseme).

Nelle Marche molto bene Odisseo (Syngenta), Tyrex (Apsov-Conase) e Marco Aurelio (Sis) .

Le migliori varietà di grano duro al centro-nord Italia

Le recenti costituzioni Augusto (Sis) e Mario (Syngenta) si confermano ottimi produttori di grano duro al centro-nord Italia, seguiti dalle novità Casteldoux (Agroalimentare Sud), Nobilis (Produttori Sementi Polesani) e Furio Camillo (Sis).

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
frumentograno duro

Articoli correlati

Mais: evitare stress, combattere la piralide e usare il sistema biologico del ceppo AF-X1 contro le aflatossine

Il rischio di contaminazione per il mais, soprattutto da aflatossine, è in aumento – almeno così dicono gli esperti, in

Dalla lotta biologica tra buoni e cattivi, la nuova frontiera per prevenire le aflatossine del mais

Con la prevenzione si può giocare di anticipo, magari favorendo la lotta tra due contendenti della stessa specie fungina. Vale

La soia si conferma una coltura strategica e da reddito, ma rimane il paradosso della soia ogm

È ferma al di sotto dei 290 mila ettari di superficie nazionale, ma la soia anche nel 2016 si conferma

1 commento

Scrivi un commento
  1. Sergio
    Sergio 15 Ottobre, 2018, 21:15

    Perché nessuno parla della speculazione che gira intorno al grano duro ,quest’ anno e stato pagato a 17 euro al quintale ,stanno portando le aziende cerearicole al fallimento

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*