Offerta Botte Kverneland

Il Ministero dell’agricoltura promette il saldo Pac 2015 entro il mese di giugno

Il Ministero dell’agricoltura promette il saldo Pac 2015 entro il mese di giugno

Sarà che le proteste si sono levate più forti del consueto, sta di fatto che il Mipaaf, in accordo con l’ente erogatore Agea, ha emesso un comunicato nel quale assicura che entro la fine di giugno 2016 sono già programmati due cicli di pagamenti che porteranno al saldo finale di oltre 1,7 miliardi di euro, pari al 100% degli importi da corrispondere agli agricoltori per gli aiuti diretti della Pac 2015. Dunque, chi ancora non ha ricevuto la Pac o l’ha ricevuta in parte può contare su questa promessa di Mipaaf-Agea e ci auguriamo che siano sistemate al più presto anche tutte le anomalie delle domande sospese, a volte senza una ragione plausibile ma solo per colpa di meccanismi burocratici che si inceppano.

La volontà di erogare i pagamenti è stata espressa, ora stiamo a vedere se non ci si mette di mezzo ancora una volta un sistema informatico che il più presto possibile va reso più fluido.

Un nuovo strumento di anticipo dei pagamenti Pac 2016

Una novità importante riguarda un nuovo strumento previsto per anticipare i pagamenti della Pac 2016 all’agricoltore dopo la presentazione della domanda. Mipaaf, Agea e Abi hanno infatti sottoscritto un accordo secondo il quale gli istituti bancari interessati possono sottoscrivere un accordo con Agea per erogare l’anticipazione (vedi notizia).

Il sistema prevede la stampa di modelli che viene prodotta automaticamente per ogni domanda 2016 che è stata presentata. Il Caa consegna i modelli all’agricoltore, che può attivare le procedure per l’accesso al finanziamento bancario sotto forma di anticipo della Pac 2016. Ovviamente la banca valuta la finanziabilità e propone le condizioni nell’ambito di quanto previsto nella convenzione. La banca può erogare entro il mese di novembre il 70% dell’importo relativo al pagamento di base.

Le banche che hanno aderito all’intesa con Mipaaf e Agea

Ecco le banche che hanno aderito all’accordo:

  • Intesa San Paolo
  • Unicredit
  • Banca Popolare di Bari
  • Banca nazionale del lavoro
  • Banco popolare
  • Banca popolare del Lazio
  • CrediUmbria
  • Banca di credito cooperativo
  • Banca di credito cooperativo dei comuni cilentani
  • Banca di credito cooperativo di Avetrana
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
pac 2015pagamenti pac

Articoli correlati

Per il trasferimento dei nuovi titoli Pac c’è tempo solo fino al 15 giugno. Ecco le modalità

La movimentazione dei titoli Pac può avvenire per moltissimi motivi: dalla vendita, all’affitto, al cambiamento da persona fisica a giuridica,

Agricoltura, stop all’abbandono dei terreni in collina: si può fare reddito se si cambia mentalità

Avvicendamenti al posto della monocoltura cerealicola I dati divulgati da Bonari si riferiscono a prove aziendali effettuate in provincia di

Domanda Pac 2017: ecco cosa succede se il sistema informatico segnala l’alert ”agricoltore non attivo”

Si tratta di un caso non infrequente, che ci è stato segnalato da alcuni lettori: alla presentazione della domanda Pac

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*