Pac, attenzione alle nuove regole sulle EFA: dal 2018 non si può più diserbare

Pac, attenzione alle nuove regole sulle EFA: dal 2018 non si può più diserbare

Come abbiamo già scritto, dal 1° gennaio 2018 sarà vietato sulle aree ecologiche della Pac (chiamate EFA) uno dei vincoli del greening, e cioè distribuire i diserbanti.

Il divieto vale per le colture, come per esempio la soia che in questi anni è stata molto utilizzata per coprire le EFA e incassare anche qualche euro, ma vale anche per le cover crops. Dunque chi utilizza le cover crops sulle superficie EFA deve sapere che non può devitalizzarle con il glifosate, ma non può nemmeno pensare di seminare in primavera una coltura che andrebbe diserbata.

Il divieto sull’uso degli agrofarmaci sulle EFA vale per tutto l’anno solare, o almeno questo ci risulta al momento, in base a fonti dal Ministero delle politiche agricole. Poi, se qualcosa cambierà, cercheremo di farvelo sapere.

Con il divieto all’uso dei diserbanti sulle EFA, è evidente che è più che mai opportuno ritornare a prendere in considerazione fossi, aree verdi, siepi e alberature che, fatti i debiti calcoli, possono contribuire in gran parte a esaudire le richieste della Pac senza togliere terra buona alle colture che fanno reddito.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
aree interesse ecologicodiserbogreeningpac 2018

Articoli correlati

Psr, quanti soldi rimangono per l’acquisto di attrezzature? Le contraddizioni del Mipaaf sull’agricoltura di precisione

Oltre alla famosa “legge Sabatini”, a chi cerca incentivi per rinnovare il proprio parco di attrezzature agricole aziendali non rimane

Grano duro, Barilla rilancia il contratto di coltivazione per 3 anni con prezzo minimo e premio proteine

Tutto dipende dal tenore di proteine, ma comunque, male che vada, con la varietà Aureo si incassano 219,35 euro/tonnellata se

20 miliardi di euro per l’agricoltura italiana bloccati dalla burocrazia selvaggia

I PSR 2015-2020 (Piani di Sviluppo Rurale) mettono a disposizione degli agricoltori oltre venti miliardi di euro, ma dopo due anni notiamo

2 commenti

Scrivi un commento
  1. IRusso
    IRusso 17 Novembre, 2018, 19:21

    Sono possessore di 17 ha di terreno coltivati a grano. Gradirei conoscere come diversificare le colture secondo la PAC in vigore. Grazie

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 19 Novembre, 2018, 15:12

      La coltura principale, che nel suo caso è il grano, non può coprire più del 75% della superficie totale. La rimanente superficie deve essere dedicata a una seconda coltura. In base alle caratteristiche della sua azienda, lei è libero di decidere su quale coltura puntare.

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*