Offerta Botte Kverneland

Pac: chi non coltiva percepisce il pagamento di base e incassa anche il greening

Pac: chi non coltiva percepisce il pagamento di base e incassa anche il greening

Tra i principi ispiratori della nuova Pac c’è ai primi posti l’obiettivo di produrre il più possibile, perché il mondo è affamato e lo sarà sempre di più nei prossini decenni. Tuttavia, per chi decidesse di non coltivare nulla, il nuovo regolamento Pac non solo non prevede alcuna sanzione, ma anzi assegna il diritto di percepire anche il pagamento greening, senza rispettarne però gli obblighi.

Dunque l’agricoltore che lascia il suo terreno a set aside incassa il pagamento greening, a patto che il terreno abbia finalità ambientali. Ciò significa che non deve essere sfalciato tra il 1° marzo e il 31 luglio, anche se su tali terreni sono ammesse le lavorazioni meccaniche nei casi di:

  • Sovescio in presenza di specie da sovescio o biocide.
  • Terreni interessati da interventi di ripristino di habitat e biotopi.
  • Colture a perdere per la fauna.
  • Lavorazioni del suolo allo scopo di contenere le infestanti o di ottenere una produzione agricola nella successiva annata agraria.
  • Lavorazioni di affinamento sui terreni lavorati per favorirne il successivo migliore inerbimento spontaneo o artificiale.
  • Lavorazioni funzionali all’esecuzione di interventi di miglioramento fondiario.

Un terreno a riposo può essere sfalciato o trinciato anche tra il 1° marzo e il 31 luglio se è necessario contenere le infestanti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
greeningnuova Pac

Articoli correlati

InnoCORN Future, il nuovo percorso agronomico per un mais sostenibile per l’ambiente e il portafoglio

Tutti parlano di sostenibilità, ma occorre tradurre questo termine nella pratica di campo, altrimenti si fanno solo chiacchiere. Per questo

Diciamo la verità: l’agricoltura arranca e serve un rinnovamento dalle fondamenta. Chi fa la prima mossa?

L’agricoltore, si sa, sopporta male le critiche e tanto meno i rimproveri, ma come si dice… “Quando ci vuole, ci vuole”.

Caos Pac, Agea taglia i titoli agli agricoltori: il plafond non era sufficiente

“Non ci resta che piangere” di fronte all’ennesimo esempio di pressapochismo, incompetenza e inefficienza della macchina burocratica che regola la

2 commenti

Scrivi un commento
  1. verdenatura
    verdenatura 9 maggio, 2016, 12:51

    Dott. Bartolini segue con piacere i suoi post,ho cinque ettari di terreno adibito a forestazione dal 2006 con la vecchia misura h con impegno ventennale,pratico due lavorazioni l’anno per il contenimento delle infestanti e anche per sciogliere un po il terreno visto che è molto argilloso e tenace,mi spetta qualche aiuto con la nuova pac?La ringrazio in anticipo se volesse darmi chiarimenti,buongiorno!

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 11 maggio, 2016, 11:00

      Buongiorno, innanzitutto grazie per il suo apprezzamento e per seguire il nostro sito.
      Da come descrive la sua proprietà non mi pare possa accedere alla Pac, tuttavia è opportuno che si rivolga al Caa della sua zona oppure ai funzionari regionali per verificare se chi aderiva all’impegno del 2006 ha qualche possibilità di accesso a qualche misura regionale.
      Saluti

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*