Campagna finanziaria Kverneland

Pac, il regime semplificato per piccoli agricoltori: scadenza 15 ottobre

Pac, il regime semplificato per piccoli agricoltori: scadenza 15 ottobre

Gli agricoltori potenzialmente interessati al regime semplificato della Pac, che si applica a chi ha un livello massimo di pagamenti diretti pari a 1250 euro, in Italia sono davvero moltissimi. Infatti sono circa 750 mila gli agricoltori che percepiscono una Pac al di sotto di 1250 euro, pari a due terzi di tutti i beneficiari.

Gli agricoltori che a seguito della presentazione della domanda unica 2015 hanno ottenuto l’attribuzione dei nuovi titoli Pac, possono optare per il regime semplificato dedicato ai piccoli agricoltori solo nel 2015 e devono presentare la domanda, per esercitare questo diritto, ad Agea o agli organismi pagatori entro e non oltre il 15 ottobre 2015. Si tratta di una domanda aggiuntiva a quella già presentata entro il 15 giugno scorso.

I tre vantaggi per gli agricoltori

Quali sono i vantaggi che derivano aderendo al regime semplificato?

  1. Gli agricoltori sono esonerati dalle pratiche del Greening (leggi questo articolo per saperne di più).
  2. La domanda di accesso è più semplice.
  3. La condizionalità e i controlli sono semplificati.

Il pagamento annuo col regime semplificato

L’importo del pagamento annuo per ciascun agricoltore ha un livello massimo di 1250 euro/azienda e tutti gli agricoltori possono partecipare a questo regime, anche chi ha diritto a importi Pac maggiori, purché si accontenti di ricevere al massimo 1250 euro.

Il piccolo agricoltore può decidere di recedere dal regime semplificato in un anno successivo al 2015, ma non potrà poi più rientravi.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Ecco perché i prossimi cinque anni sono decisivi per la sopravvivenza delle aziende agricole

L’Europa ci ha messo cinque anni per delineare le linee di sviluppo per l’agricoltura nei prossimi cinque anni, ma gran parte di

Grano duro: patto agricoltori-industriali per aumentare la produzione di qualità con i contratti

La nostra produzione interna di grano duro (in media di 4 milioni di tonnellate annue) è sufficiente a coprire solo

200 milioni di euro per i contratti di filiera: il Mipaaf stanzia dei finanziamenti da non perdere per i cereali

Manca solo il bando attuativo, perché il decreto ministeriale è già stato pubblicato. Tra poche settimane verranno concesse agevolazioni sotto forma

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*