Spandiconcime Kverneland

Pac: l’affittuario è obbligato a restituire i nuovi titoli, se il proprietario li richiede?

Pac: l’affittuario è obbligato a restituire i nuovi titoli, se il proprietario li richiede?

I vecchi titoli della Pac, come noto, sono scaduti il 31 dicembre scorso e quindi, nel caso in cui fossero stati concessi nel 2015 all’affittuario, non esistono più.

I nuovi titoli sono stati assegnati a chi aveva la terra nel 2015

La normativa Pac prevede che i nuovi titoli siano stati assegnati da Agea all’agricoltore che era in possesso dei terreni nel 2015, sulla base della domanda Pac presentata al 15 giugno 2015. Quindi Agea ha assegnato i nuovi titoli Pac all’affittuario, che non è affatto obbligato a cederli al proprietario del fondo.

Di conseguenza, il proprietario si può trovare ad avere la terra senza i titoli.

Il proprietario può avere nuovi titoli. A patto che…

Il proprietario del fondo può diventare “nuovo agricoltore” nel 2016 o in anni successivi presentando domanda ad Agea per la richiesta dei nuovi titoli che saranno attinti dalla Riserva Nazionale entro e non oltre il 15 maggio 2016. La condizione per l’accesso alla riserva nazionale è di due tipi:

  1. Essere nuovi agricoltori, cioè non aver esercitato attività agricola nei 5 anni precedenti
  2. Essere agricoltori attivi, cioè dimostrare la significatività dell’attività agricola rispetto ad attività extragricole (vedi articolo)

I titoli ricevuti dalla Riserva Nazionale possono poi essere affittati negli anni successivi insieme alla terra.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
nuova Pac

Articoli correlati

Cari burocrati, sosteniamo gli investimenti per la raccolta e distribuzione dell’acqua

Ce ne si accorge, e quindi se ne parla (spesso anche a sproposito), solo quando c’è l’emergenza. E così in

”Piano Nazionale Glifosate Zero: la decisione di Martina è contro l’agricoltura”

La Commissione ambiente del Parlamento europeo ha votato no al rinnovo dell’uso del glifosate in agricoltura. Ora si deve attendere

Per i nostri seminativi occorre una svolta e solo i contoterzisti possono darci una mano

Quest’anno il mais in Italia ha preso l’ennesima bastonata, con un’ulteriore diminuzione delle superfici investite. Il motivo è sempre lo stesso:

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*