Pac: l’affittuario è obbligato a restituire i nuovi titoli, se il proprietario li richiede?

Pac: l’affittuario è obbligato a restituire i nuovi titoli, se il proprietario li richiede?

I vecchi titoli della Pac, come noto, sono scaduti il 31 dicembre scorso e quindi, nel caso in cui fossero stati concessi nel 2015 all’affittuario, non esistono più.

I nuovi titoli sono stati assegnati a chi aveva la terra nel 2015

La normativa Pac prevede che i nuovi titoli siano stati assegnati da Agea all’agricoltore che era in possesso dei terreni nel 2015, sulla base della domanda Pac presentata al 15 giugno 2015. Quindi Agea ha assegnato i nuovi titoli Pac all’affittuario, che non è affatto obbligato a cederli al proprietario del fondo.

Di conseguenza, il proprietario si può trovare ad avere la terra senza i titoli.

Il proprietario può avere nuovi titoli. A patto che…

Il proprietario del fondo può diventare “nuovo agricoltore” nel 2016 o in anni successivi presentando domanda ad Agea per la richiesta dei nuovi titoli che saranno attinti dalla Riserva Nazionale entro e non oltre il 15 maggio 2016. La condizione per l’accesso alla riserva nazionale è di due tipi:

  1. Essere nuovi agricoltori, cioè non aver esercitato attività agricola nei 5 anni precedenti
  2. Essere agricoltori attivi, cioè dimostrare la significatività dell’attività agricola rispetto ad attività extragricole (vedi articolo)

I titoli ricevuti dalla Riserva Nazionale possono poi essere affittati negli anni successivi insieme alla terra.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
nuova Pac

Articoli correlati

Cereali, la ricetta per convivere con la volatilità dei prezzi di mercato

Eccesso di produzione per andamenti climatici favorevoli e aumento delle superfici coltivate. Smantellamento della politica UE “dei mercati” con riduzione

Vigneti, aboliti i diritti di impianto. Parte la liberalizzazione controllata

Dopo le quote latte e le quote zucchero, dal 31 dicembre scorso in Unione europea è stato abolito anche il

Ecco i pastifici che portano a tavola la pasta fatta al 100% con grano italiano

Un pacco di spaghetti fatti con grano di provenienza indeterminata costa 0,12-0,15 euro, più o meno, mentre quelli con semola

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*