DEKALB Smart Planting

Pac: quando e come si determina la coltura diversificante

Pac: quando e come si determina la coltura diversificante

Su sollecitazione di alcuni agricoltori, torniamo sulla questione della “coltura diversificante” della Pac per spiegare nel dettaglio come funziona.

Per quanto riguarda la presenza di più colture, la Pac stabilisce che le aziende da 15 a 30 ettari a seminativo debbono avere almeno due colture e quelle con oltre 30 ettari devono avere almeno tre colture, con la coltura principale che copre al massimo il 75% della superficie.

Il periodo nel quale Agea identifica le colture presenti in azienda ai fini della diversificazione va dal 1° aprile al 9 giugno, prendendo in considerazione le colture seminate o coltivate nel detto periodo di riferimento, che rappresenta la parte più significativa del ciclo colturale comprendendo sia le colture seminate nell’autunno precedente che sono a fine ciclo e sia quelle in semina primaverile. Il periodo di riferimento è quel periodo all’interno del quale deve essere rilevata la coltura diversificante e se sono presenti due o più colture dal 1° aprile al 9 giugno, la coltura diversificante è quella con un periodo di coltivazione più lungo, facendo un conteggio per ciascuna coltura.

Il conteggio in giorni però non è l’unico criterio di giudizio, perché occorre tenere conto anche delle pratiche colturali tradizionali nel contesto nazionale. Tradotto dal burocratese, ciò significa per esempio che, soprattutto nelle aree vocate, il mais da granella è sempre considerato la coltura diversificante, a meno che non sia di secondo raccolto. Lo stesso vale nel caso del pomodoro da industria, che è sempre coltura diversificante soprattutto se segue una coltura da sovescio come il favino.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
diversificazione colturenuova Pac

Articoli correlati

Agricoltura, Martina: ‘Pronto il taglio dell’Irpef e superammortamento per spingere sull’innovazione’

Il ministro dell’agricoltura Maurizio Martina ha annunciato che, con la prossima e imminente legge di Bilancio, si taglierà l’Irpef per

Biologico e convenzionale: non facciamone una guerra di religione

In risposta al nostro recente articolo “Non si può stabilire per legge che l’agricoltura biologica è migliore della convenzionale“, FederBio,

Ecco perché i prossimi cinque anni sono decisivi per la sopravvivenza delle aziende agricole

L’Europa ci ha messo cinque anni per delineare le linee di sviluppo per l’agricoltura nei prossimi cinque anni, ma gran parte di

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*