Campagna finanziaria Kverneland

Soia, attenzione alla scelta del gruppo di maturazione: le varietà precoci producono come le tardive

Soia, attenzione alla scelta del gruppo di maturazione: le varietà precoci producono come le tardive

Di solito l’agricoltore che fa soia punta su varietà appartenenti al gruppo di maturazione 1+ perché dovrebbero massimizzare le rese. Ma nel 2016 non è stato sempre così, e per via del clima siccitoso avvenuto dopo Ferragosto, in alcune aree le precoci hanno prodotto più o al pari della tardive.

È vero che tutti gli anni non sono uguali, ma si tratta di un fenomeno da tenere presente, anche perché tra le varietà precoci ci sono novità interessanti come per esempio “Amma”, costituita da Ersa e commercializzata da Sis, che ha prodotto in media nelle località testate 5,07 t/ha e 39,9 di proteine, con punte di 5,74 in provincia di Pordenone, e “Ginevra” di Syngenta che ha una media produttiva di 4,82 t/ha e 41,2 di proteine, e che sempre a Pordenone ha raggiunto rese di 5,70 t/ha.

Varietà di soia a ciclo precoce

Tra le varietà precoci di soia sono da segnalare le seguenti:

  • “Gala Pz” di Apsovsementi, con una media produttiva di 4,82 t/ha e 41,2 di proteine;
  • “Pepita” di Sis, con 4,76 t/ha e 39,3 di proteine;
  • “Zora” di Apsovsementi, con 4,69 t/ha e 39,9 di proteine;
  • “Bahia” di Sis, con 4,65 t/ha e 39,3 di proteine;
  • “Eiko” di Sipcam, con 4,63 t/ha e 41 di proteine.

Per quanto riguarda il tenore proteico, risultano particolarmente interessanti anche “Energy” di Renk Venturoli con 43,2 di proteine e rese medie di 4,47 t/ha e “RGTSpeeda” di Florisem con 43,6 di proteine e rese medie di 4,23 t/ha.

Varietà di soia a ciclo tardivo

Le due varietà più produttive del gruppo 1 sono risultate “Hiroko” di Sipcam, con una media di 4,68 t/ha e 40,1 di proteine, a pari merito con “PR92M22” di Pioneer, con 4,68 t/ha ma un contenuto superiore di proteine di 41,3.

Per il tenore proteico si distinguono inoltre:

  • “Prana” di Cgs sementi, gruppo 1 con 43,8 di proteine e resa media di 4,23 t/ha;
  • “Rgt Sinfonia” di Florisem, gruppo 1+ con 42,9 di proteine e resa media di 4,32;
  • “PR 92M35” di Pioneer, gruppo 1 con 41,5 di proteine e rese medie di 4,51 t/ha;
  • “Dekabig” di Sipcam, gruppo 1+ con 41,3 di proteine e resa media di 4,41 t/ha.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
ApsovPioneer geneticaSipcamsoiaSyngenta

Articoli correlati

Agricoltura: le colture di copertura per apportare azoto, aumentare la sostanza organica e combattere i parassiti

Erosione e ruscellamento, scarsità di sostanza organica, destrutturazione degli aggregati, perdita di produttività sono i mali più comuni dei nostri

I benefici delle cover crops per il suolo e le colture

La gestione sostenibile dei terreni agricoli prevede la pratica della minima lavorazione, che ha tre regole molto semplici, già illustrate

Il cartamo con contratto di coltivazione: un’idea vincente non solo per la Toscana

I progetti di filiera cominciano a fare breccia tra gli agricoltori alla ricerca di una diversificazione colturale che permetta di

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*