Campagna finanziaria Kverneland

Spagnoli: chiusura elettrica a fine barra e ugelli a ‘innaffiatoio’

Spagnoli: chiusura elettrica a fine barra e ugelli a ‘innaffiatoio’

Gli ultimi tre trattamenti al pomodoro da industria richiedono almeno 900 lt/ha di acqua cadauno, e quindi ci vuole un’attrezzatura che disponga di serbatoi con capacità superiore a 1500 litri. Ecco perché i fratelli Claudio e Italo Spagnoli di Castelgoffredo (Mantova), 200 ettari di pomodoro in filiera con Casalasco e molti ettari anche a grano duro Mimmo, hanno sostituito la loro barra semovente con la doppia botte Kverneland Ixter e Ixtra che monta il serbatoio posteriore da 1800 litri e l’anteriore con altri 1100 litri.

«Prima con solo 1500 litri facevo meno di 2 ettari per volta, oggi ne faccio oltre 3,5. È tutta un’altra musica», dice Claudio Spagnoli.

Perché chiudere elettricamente i due ugelli finali

Spagnoli ha spinto al massimo sull’innovazione, dal momento che sulla barra da 24 metri ha montato alle due estremità un sistema elettrico per disattivare gli ugelli terminali. «Ho una carreggiata di lavoro per il pomodoro che richiede questa particolare chiusura, proprio per evitare le sovrapposizioni nei trattamenti. È un sistema utilissimo!».

L’ugello a “inaffiatoio” per la concimazione liquida

Altro particolare tecnico innovativo è la distribuzione del concime liquido ai cereali con la stessa botte da diserbo. «Ho montato degli ugelli particolari, che distribuiscono il concime liquido con un effetto delicato, a “inaffiatoio”, che evita danni da bruciatura alla vegetazione. Quest’anno ho fatto un test su 20 ettari e i risultati sono eccezionali dal punto di vista del rispetto della coltura. Ora vedremo i quintali!».

 

La barra da 24 metri Isobus, comandata interamente dal computer satellitare Isomatch Tellus, è divisa in 9 sezioni gestite autonomamente.

La barra da 24 metri Isobus, comandata interamente dal computer satellitare Isomatch Tellus, è divisa in 9 sezioni gestite autonomamente.

L'ultimo ugello montato su ciascuna delle due estremità della barra è a chiusura elettrica per evitare sovrapposizioni nei trattamenti sul pomodoro.

L’ultimo ugello montato su ciascuna delle due estremità della barra è a chiusura elettrica per evitare sovrapposizioni nei trattamenti sul pomodoro.

Un ugello speciale montato sulla barra della Ixter, grazie a una distribuzione delicata a "innaffiatoio", permette di distribuire il concime liquido sui cereali senza causare bruciatura alla vegetazione.

Un ugello speciale montato sulla barra della Ixter, grazie a una distribuzione delicata a “innaffiatoio”, permette di distribuire il concime liquido sui cereali senza causare bruciatura alla vegetazione.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Terreni argillosi e infestati: ecco come il Qualidisc riesce a preparare il letto di semina

L’erpice a dischi Qualidisc di Kverneland ha sfidato gli “aratori” più convinti su un terreno “impossibile” in provincia di Rovigo. La

Rosa: solo con la filiera si può fare reddito

Lo diciamo da anni, e per fortuna ci sono tanti agricoltori che lo riconoscono: coltivare in diretto contatto con chi

Agricoltura, essere innovatori e produrre tanto è solo una questione di testa

Torniamo ancora sull’argomento, perché il problema dei nostri seminativi sta tutto qui. Dove? Nella testa degli agricoltori che, ripetiamo ancora una volta,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*