Taglio del pagamento di base per chi ha una Pac elevata?

Taglio del pagamento di base per chi ha una Pac elevata?

La normativa vigente sulla nuova Pac prevede una riduzione del pagamento di base del 50% se l’importo Pac supera i 150 mila euro, e del 100% per importi Pac superiori a 500 mila euro.

Tuttavia c’è la possibilità di detrarre i costi del lavoro, e quindi l’importo Pac ai fini della decurtazione viene diminuito di salari, stipendi e oneri previdenziali, inclusi quelli pagati dall’imprenditore per se stesso e i familiari.

Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia porta un esempio molto chiaro: un agricoltore riceve 250 mila euro di pagamento di base e ha 7 salariati con un costo complessivo di 140 mila euro. Questo agricoltore non verrà colpito dalla riduzione perché dai 250.000 euro vanno detratti 140.000 euro, e quindi l’ammontare del pagamento di base ai fini della nuova Pac è di 110.000 euro, quindi non è soggetto a penalizzazioni.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
nuova Pacpac 2015

Articoli correlati

Con il piano “Biotecnologie sostenibili” l’Italia torna a occuparsi di miglioramento genetico

Si chiama “Cisgenesi”, che vuol dire introduzione di geni della stessa specie (per esempio da un vitigno a un altro

Banca delle terre Ismea: aperta la procedura per la vendita di 8mila ettari

Il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali ha reso noto che è stata aperta la procedura di messa in

”Pac post 2020: i pagamenti diretti sono salvi, ma con molte modifiche”

Come sarà la nuova Pac post 2020? Il commissario europeo Phil Hogan ha presentato nei giorni scorsi un documento che tratteggia

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*